Dal Museo Omero di Ancona e dal Teatro La Nuova Fenice di Osimo in streaming gli eventi del progetto “Oltre l’Ascolto”

3' di lettura 24/11/2020 - Non si fermano gli eventi del Progetto “Oltre l’Ascolto - Esperienze di diversa abilità nella dimensione della musica” promosso dall’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, Lega Del Filo d’Oro e Museo Tattile Statale Omero, in collaborazione con il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro e l’Associazione “Ragazzi Oltre” di Ancona – con il contributo di Cariverona e con il Patrocinio del Garante Regionale dei diritti alla persona.

Entrambe le manifestazioni si terranno a porte chiuse, davanti alle telecamere, in diretta sulla piattaforma Facebook di Osimoweb, il 3 Dicembre, alle ore 18, presso la sede del Museo Statale Omero di Ancona, l’unico al mondo che permette di conoscere l’arte attraverso il tatto, e il 12 dicembre, sempre alle 18, dal Teatro La Nuova Fenice di Osimo.

I programmi svolgono il tema “Musica e diverse abilità” e sono il frutto di laboratori di scrittura e di musica d’insieme. Il progetto prevede infatti la relazione musicale - e dunque affettiva ed espressiva - fra persone di diversa capacità comunicativa: musicisti di diversa formazione (compositori, strumentisti e cantanti, tra cui allievi e insegnanti del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro e dell’Accademia di Osimo) hanno fatto esperienze musicali con i pazienti della Lega del Filo d’Oro, con musicisti diversamente abili, con gli studenti delle scuole, con gli ospiti delle case di riposo, di strutture sanitarie, delle carceri. Giovedì 3 dicembre ricorre la Giornata Internazionale delle persone con disabilità : il concerto “Intorno a Beethoven” ricostruisce l’ambiente viennese intorno alla dolorosa vicenda della perdita dell’udito di Ludwig van Beethoven, a cui la sordità non impedì la composizione dei grandi capolavori della maturità.

Ci sono gli autori che hanno contato nella formazione del compositore – Salieri, Mozart, Haydn – e i suoi contemporanei – Rossini, Schubert, Weber. Protagonisti saranno i solisti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, insieme con il pianista Alessandro Benigni. Il 12 dicembre vedrà la luce l’opera Lo scrigno magico, una nuova composizione, realizzata nella scrittura e nell’esecuzione da persone di abilità diverse, che durante il lavoro assieme hanno imparato ad interagire proficuamente ed a comunicare in maniera efficace. Il soggetto è di Paola Rupilli, ospite della Lega del Filo d’oro, i compositori sono Niccolò Neri e Alex Russo, allievi di Didattica della musica del Conservatorio di Pesaro, col loro docente Fabio Masini. Accanto alla pièce, sono programmate anche due liriche di Giovanna Orvietani – un’altra ospite della Lega - musicate da Alessio Santolini e Filippo Scaramucci, allievi di Composizione dello stesso Conservatorio, nella classe di Lamberto Lugli. E ancora un Andante meditativo per saxofono contralto e pianoforte di Leonardo Sestilli.

Sulla scena saliranno i solisti dell’Accademia d’Arte Lirica e un ensemble strumentale che include giovani che – attraverso la musica – mostrano di aver superato con il loro talento le loro notevoli difficoltà di partenza, diretti da Aldo Cicconofri. La messa in scena sarà affidata a Matteo Mazzoni.

Video promo del Progetto “Oltre l’Ascolto”: https://www.youtube.com/watch?v=zxC6rnle_TI








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2020 alle 09:53 sul giornale del 25 novembre 2020 - 306 letture

In questo articolo si parla di musica, cultura, spettacoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDbO





logoEV