Giacchetti(Liste Civiche): "spiccioli per il sociale e tasse. L’ IRPEF al massimo dell'aliquota ad Osimo in tempi di Covid 19

1' di lettura 24/10/2020 - "Le premesse “ il Comune aiuta chi non ce la fa” sembravano buone, ma andando a leggere, come riportato in un comunicato stampa dall’ Amministrazione, in realtà troviamo che per aiutare le famiglie a pagare le bollette di acqua luce e gas si impegnano 12 mila euro!!

Pochi spiccioli per aiutare le famiglie in questo periodo di estrema difficoltà: ne servirebbero 10 volte tanto, almeno 120 mila per dare un valido sostegno a tutte le persone, che non sono riuscite a portare a casa un stipendio adeguato dato il precedente lock-down e le limitazioni purtroppo attuali, a salvaguardia della salute pubblica.

A fronte di aiuti “spot” senza programmazione seria, questa amministrazione ha approvato nel marzo 2020 e poi in consiglio comunale (maggioranza) nella seduta dedicata al bilancio, l’aumento dell’IRPEF comunale alla massima aliquota consentita e senza scaglionamenti ISEE in base al reddito. Non era questa l’amministrazione che accusava sempre Le Liste civiche di sotto utilizzare lo strumento ISEE, per differenziare le tasse e i contributi in base al reddito?

Ora improvvisamente Pugnaloni che aveva abbassato lievemente l’IRPEF e suddivisa in scaglioni, rinnega se stesso, solo per fare cassa, chiedendo un maggior gettito ai cittadini Osimani. Auspichiamo che il maggior introito, dalle tasse venga riversato in maniera strutturata su esigenze socio-sanitarie e di lavoro."






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-10-2020 alle 11:12 sul giornale del 26 ottobre 2020 - 306 letture

In questo articolo si parla di attualità, economia, politica, terriotorio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzz6





logoEV
logoEV