Castelfidardo: Fisarmonica, i colori che verranno

2' di lettura 30/09/2020 - Un testo proiettato in avanti, così come la 45^ edizione del Premio internazionale andata in archivio dieci giorni fa dopo aver coniugato con efficacia l’innovazione delle tecniche di diretta streaming con la tradizione e il prestigio di una struttura consolidata.

Fra le testimonianze che il PIF2020 lascia, c’è anche il volume “Fisarmonica: i colori che verranno”, 260 pagine di «lavoro intenso e di sinergie che non potevano che nascere in questo contesto, ove si concentrano le migliori competenze mondiali che riguardano lo strumento», spiega il direttore artistico e, nel caso specifico, editore ed ideatore di questa pubblicazione indipendente.

Lo sguardo è rivolto al futuro nel senso di offrire diverse visioni e spunti creativi a tutti gli operatori del settore. A tal fine, il maestro Ruggieri ha selezionato professionisti di vari ambiti affinchè realizzassero articoli «di immediata comprensione ma anche interessanti e qualificati»; una raccolta di esperienze, impressioni e progetti per volare e tenere sempre alta l’attenzione e gli stimoli. Il libro è disponibile gratuitamente in versione digitale italiana/inglese sul sito:https://www.pifcastelfidardo.it/pdf/2020/Fisarmonica_i_colori_che_verranno_PIF2020.pdf

Questi gli autori e i contributi che confluiscono nell’opera:

– Fisarmonica: architettura del futuro (Patrizia Angeloni) Una colta e ragionata analisi della condizione della fisarmonica nei nostri tempi che però lascia spazio ad interessanti risvolti.

– Le voci che verranno (Lorenzo Antonelli) L’esperienza di un affermato artigiano ci guida verso una diversa visione della costruzione dell’ancia.

– La fisarmonica del futuro, un valzer polifonico (Carmelo Mario Lanzafame con la collaborazione di Carlo Casabianca) Interviste e curiosità in questo articolo legato al mondo della Popular Music.

– Presente e futuro, i giovani fisarmonicisti parlano (Miranda Cortes) Un sondaggio con le moderne scuole di fisarmonica serve da spunto per una ragionata riflessione sulla futura didattica.

– Nuovi concertisti (Loris Douyez) Un giovane concertista intervista altrettanti giovani concertisti del futuro.

– Guardiamo al futuro con ottimismo (Friedrich Lips) La grande esperienza di uno dei massimi fisarmonicisti al mondo, pensa al futuro con ottimismo.

– L’anello mancante (Giuseppe Manfredi) Un ingegnere-musicista ci aiuta a comprendere con semplicità i meccanismi che regolano le leggi fisiche intorno alla fisarmonica. – Il futuro della fisarmonica digitale (Joseph Natoli)

La fisarmonica digitale è una realtà descritta con rigore da un grande specialista dell’argomento.

– Composizione per fisarmonica: quale futuro? (Renzo Ruggieri) Il poliedrico artista, intervista compositori contemporanei sul futuro della composizione per fisarmonica.

– Meglio l’e-learning che nulla (Herbert Scheibenreif) Affermato docente e musicologo, Scheibenreif affronta il tema della didattica per fisarmonica a distanza.

– Archetipi per una fisarmonica futuribile (Andrea Straccialini) Una scuola di design ha chiesto ai propri studenti di “inventare” nuove fisarmoniche, dimenticando e tralasciando gli aspetti tecnici.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2020 alle 13:27 sul giornale del 30 settembre 2020 - 52 letture

In questo articolo si parla di musica, cultura, comune, premio, territorio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bxlJ





logoEV