Accadde oggi: il 29 giugno 2009

1' di lettura 29/06/2020 - Il 29 giugno 2009, esattamente 11 anni fa, avvenne il disastro ferroviario a Viareggio. Poco prima della mezzanotte una potente esplosione, seguita da altre di minore intensità interrempo la notte di Viareggio.

Dal deragliamento del treno merci n. 50325, proveniente da San Martino di Trecate, Novara e diretto a Gricignano di Aversa, Caserta, con un carico di GPL. Il cedimento del carrello del primo carro cisterna che porta il convoglio fuori dai binari, provocando uno squarcio in una delle cisterne. In pochi secondi la fuoriuscita del gas liquido si trasforma in un'infernale arma di distruzione, che cancella nell'immediato le vite di undici persone, portandone a morte altre 20 dopo settimane di sofferenze per le gravi ustioni riportate.

Nel totale delle vittime vengono inclusi anche due anziani stroncati da infarto per lo spavento. L'inchiesta giudiziaria porta al rinvio a giudizio per 33 imputati, facenti capo a 9 società (FS, Gatx, Jungenthal, Cima Riparazioni).

A gennaio 2017 arriva la sentenza di primo grado, con condanne a sette anni di reclusione per i vertici (in carica nel 2009) di RFI, FS e Trenitalia, confermate nella sentenza di secondo grado emessa il 20 giugno 2019 dai giudici della Corte di appello di Firenze.






Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2020 alle 10:12 sul giornale del 29 giugno 2020 - 62 letture

In questo articolo si parla di attualità, storia, tragedia, articolo, disastro ferroviario

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpjp

Leggi gli altri articoli della rubrica Accadde Oggi