Castelfidardo: Lello, il cartello de Castello l’entusiasmo di un lavoro di squadra. Ad aprile il primo episodio del cartoon con il doppiaggio di Marco Marzocca

4' di lettura 13/01/2020 - Tanto entusiasmo e un ospite d'eccezione alla presentazione ufficiale del progetto “Lello, il cartello (de Castello)”, svoltasi ieri nella biblioteca dell’Istituto Meucci innanzi a una folta platea in concomitanza con la giornata di “Scuola Aperta.

Unitamente alle autorità istituzionali e scolastiche è intervenuto anche il noto attore Marco Marzocca, di scena in questi giorni a Numana per l'anteprima del nuovo spettacolo teatrale, cui è stata strappata la promessa di doppiare una puntata del videoclip animato in corso di realizzazione.

L'innata simpatia del comico con un passato da farmacista ha ulteriormente impreziosito di contenuti una cerimonia già ricca, testimoniando l'importanza di educare i futuri utenti della strada sin da piccini.

A fare gli onori di casa il prof. Gabriele Calducci, che ha portato i saluti della dirigente Milena Brandoni, ringraziando per la presenza i sindaci di Castelfidardo e Numana, gli assessori di Castelfidardo, Osimo e Camerano, le Forze dell’Ordine, nonché i rappresentanti degli Istituti Comprensivi, dell’Istituto Sant’Anna e i tanti genitori.

Presenti anche la presidente e il vice presidente della Fondazione Carilo, dott.ssa Fulvia Marchiani e Claudio Rossi. "Il videoclip intende rivolgersi soprattutto ai bambini delle scuole primarie, con lo scopo di insegnare a rispettare il codice della strada attraverso la conoscenza della segnaletica e delle norme di comportamento necessarie", ha detto Calducci. I.I.S. Meucci e Comune sono fautori di un progetto "fortemente voluto dall’Amministrazione del tutto nuovo e unico nel suo genere - parole del sindaco Roberto Ascani - di cui siamo veramente fieri perché ha saputo coinvolgere molti soggetti, unendo le varie sensibilità al servizio di un ideale comune”.

Il Comandante Paolo Tondini ha sottolineato la “genialità del distretto, che è in grado di emozionare sollecitando sinergie tra scuola, Amministrazione Comunale e Forze dell’Ordine affatto scontate e già consolidate”, parlando di un obiettivo già raggiunto “favorendo la relazione e il dialogo tra generazioni giovanili”. I ragazzi del Liceo delle Scienze Applicate hanno aderito in maniera volontaria al progetto che li vede impegnati ogni sabato al termine dell’orario curricolare.

Tutor d’eccezione l’ex studente Marco Rossi, ora disegnatore e sviluppatore presso la Rainbow, che con orgoglio ha messo a disposizione il suo know how insegnando le tecniche di sviluppo e realizzazione di videoclip animate.

“Siamo partiti con l’analizzare tutto ciò che c’è dietro un cartone per l’infanzia, andando a studiare i meccanismi di base dei cartoons più famosi. Ora dobbiamo iniziare a fare seriamente, affrontando un lavoro che parte da una realtà locale per arrivare più lontano, abbattendo le barriere grazie alla creatività”.

“Sotto consiglio del nostro tutor - dice Gaia Borselli, 5^Alsa, portavoce del gruppo di lavoro - abbiamo pensato ad alcuni bozzetti di personaggi per poi scegliere di comune accordo Lello il cartello, un segnale di pericolo spesso ignorato dagli utenti della strada.

Un giorno, però, trovandosi a dover salvare un bambino che attraversa, decide di mettersi in gioco e far sentire la sua voce”. Episodi di pochi minuti, lezioni semplici che spiegheranno la segnaletica stradale, le norme di comportamento sia come pedoni che come ciclisti e passeggeri, catturando l’attenzione dei ragazzi e affiancandosi sempre alla competenza della Polizia Locale.

“Sentiamo molto la responsabilità di parlare a bambini più piccoli: la sfida più grande è trovare un linguaggio adeguato e di sviluppare un cartone che desti interesse. Ci rende orgogliosi creare qualcosa di utile alla società e al territorio in cui viviamo”.

Grazie al sostegno economico dell’Amministrazione comunale, il Meucci ha allestito un atelier creativo dotato di pc nuovi, veloci, provvisti dei programmi specifici per la creazione di un cartone animato e di tavolette grafiche di ultima generazione per dare libero sfogo alla creatività. “Sogniamo in grande – ammette Gaia- e speriamo che il progetto che parte dalla città immaginaria ma non troppo di CaRtelfidardo possa un giorno essere diffuso anche in altri Comuni, con la consapevolezza di aver aiutato la diffusione di nozioni importanti”.

Prevista entro il mese di aprile l’uscita del primo episodio del cartoon che, per l’occasione, sarà tenuto a battesimo proprio da Marco Marzocca, che con molto piacere ha accettato di prestare la sua voce al protagonista della clip, perché “la macchina è un’arma, è come una pistola ed è necessaria consapevolezza quando ci si mette in strada”.

Un primo episodio di cui sale l’attesa, che verrà sicuramente accolto con l’entusiasmo che merita un progetto nato, sostenuto e realizzato con la collaborazione delle forze che operano sul territorio e per il territorio e che da anni si impegnano con passione e determinazione nell’educazione delle nuove generazioni.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2020 alle 16:19 sul giornale del 14 gennaio 2020 - 2485 letture

In questo articolo si parla di scuola, cultura, vigili urbani, comune, progetto, segnaletica stradale, educazione alla cittadinanza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beYn