Una Minoranza Creativa: "MESSAGGERI". Domenica 8 settembre 2019 XXIII, domenica del tempo ordinario (ANNO C) (Lc 14,25-33)

1' di lettura 07/09/2019 - Il cielo velato, opaco, nuvoloso; la notte che riconquista campo sulla luce; il mattino che tarda a sorgere e l’arco del sole che declina sempre più velocemente. Anche l’anno ha la sua vita: nasce a primavera, vive in estate, si acquieta in autunno e muore in inverno.

Le temperature che perdono il loro tepore ci portano a ridimensionare il nostro raggio d’azione; la maggiore oscurità impedisce al nostro sguardo di spaziare fino a quelle terse distanze che ci fanno scoprire orizzonti oltre l’orizzonte.

Sono due le pulsioni che possono recare conforto al nostro animo: la prima è che tra qualche mese la primavera ritornerà; la seconda è che la gioia primaverile che ogni anno si rinnova è soltanto anticipazione della primavera perpetua di cui esulteremo assieme a nostro Signore Gesù Cristo quando i cicli annuali avranno reso pieno il nostro cammino terreno. Manda, o Signore, il tuo Spirito affinché la nostra vita tragga sollievo dalle gioie del tempo, ma cerchi conforto tra le braccia dell’eterno.

Il passo evangelico odierno, come capita altre volte, generalmente rischia di scivolare in atteggiamenti semplicistici, fraintendimenti o letture variopinte.

Per proseguire nella lettura clicca sul seguente lin: https://unaminoranzacreativa.wordpress.com/2019/09/07/messaggeri/






Questo è un articolo pubblicato il 07-09-2019 alle 18:34 sul giornale del 08 settembre 2019 - 352 letture

In questo articolo si parla di cultura, messaggio, articolo, religione cattolica, Fabio Quadrini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/banb