Accadde oggi: il 19 maggio 2001

3' di lettura 19/05/2019 - Il 19 maggio del 2001, esattamente 18 anni fa, aprono i primi due Apple Store: Quando fu lanciata l'idea, i più parlarono di suicidio finanziario. Oggi, i negozi griffati con l'inconfondibile "mela morsicata" hanno superato le 400 unità nel mondo, facendo scuola in tema di "retail".

È qui che migliaia di persone, come pellegrini diretti alla Mecca, si radunano ad ogni lancio di un nuovo prodotto della società di Cupertino. Il ritorno in "patria" di Steve Jobs nel 1997 coincise con l'inizio della ripresa per Apple, dopo circa un decennio di flop e perdite per la spietata concorrenza di Windows.

Quattro anni più tardi, l'iPod, un prodotto destinato a rivoluzionare il mercato musicale, era pronto ma il suo debutto sarebbe arrivato solo alla fine di ottobre. Prima di allora però un'altra idea vincente di Jobs si presentava ai nastri di partenza.

Ci aveva pensato dal momento in cui aveva rimesso piede in azienda: dar vita una catena di negozi dedicata esclusivamente al marchio Apple, per dare maggior risalto ai nuovi dispositivi lanciati sul mercato, contribuendo nel contempo a fidelizzare la clientela. In realtà immaginava qualcosa di più di un semplice esercizio commerciale, bensì uno spazio accogliente da vivere in totale relax e ispirato alla filosofia "user friendly", ossia dove ogni apparecchio è a portata di mano e può essere provato in tutta calma.

Una visione pionieristica della vendita al dettaglio nel settore dell'elettronica (in quel momento caratterizzata da store plurimarche), che venne accolta con freddezza dagli addetti ai lavori per via delle ingenti risorse richieste.

L'ottimismo e la lungimiranza di Jobs, all'epoca considerato alla stregua di un visionario, si rivelarono più forti del pessimismo che lo circondava. Il progettò si concretizzò a maggio del 2001, anticipato da un promo di quattro minuti in cui il massimo dirigente della società di Cupertino, nella sua tradizionale mise casual con tanto di jeans e dolcevita nero, descriveva le peculiarità dell'Apple Store.

Il 19 maggio si aprirono i cancelli dei primi due store: nel centro commerciale di Tysons Corner, in Virginia, e tre ore dopo a Glendale (quest'ultimo considerato dalla stessa Apple come il primo in assoluto), in California. Le poche centinaia di clienti che si presentarono all'inaugurazione portarono fuori strada gli osservatori. I successivi 23 negozi aperti in altrettanti Stati dell'Unione, prima della fine del 2001, vennero presi d'assalto dalla folla, specialmente dopo l'uscita dell'iPod.

Cominciò da qui una graduale espansione nella vendita al dettaglio, che nel 2004 sbarcò in Europa, sponda Regno Unito, e nel 2007 toccò anche l'Italia con il primo store di Roma Est. Nell'immaginario degli estimatori della "mela morsicata", gli store divennero subito riconoscibili per l'arredamento sobrio, identico dappertutto, e per il clima di accoglienza garantito dai dipendenti.

Tra questi ultimi, oltre ai normali commessi, erano presenti dei veri e propri esperti che, con il servizio "Genius Bar", garantivano assistenza tecnica ai clienti. Sparsi in quattro continenti (esclusa l'Africa), gli store Apple oggi superano le 400 unità, assicurando un fatturato di 15 miliardi di dollari (dati 2014). In particolare è un luogo di grande fascino, meta di migliaia di visitatori (8.000-10.000 al giorno), lo store newyorchese sulla Fifth Avenue, inaugurato a maggio del 2006, che si distingue per la sua collocazione in un grande cubo di vetro.






Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2019 alle 08:42 sul giornale del 19 maggio 2019 - 124 letture

In questo articolo si parla di storia, tecnologia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7D0