Accadde oggi:il 17 aprile 1989

2' di lettura 17/04/2019 - Il 17 aprile 1989, esattamente 30 anni fa, ​​​​​​​Blob debutta su Rai Tre: «È la cosa più orribile che abbia visto in vita mia» La citazione di un film horror degli anni Cinquanta si trasforma in un giudizio lapidario sulla televisione. Così si apre un programma rivoluzionario che con ironia anarchica e irriverente fa a brandelli la TV, creando collegamenti impossibili e dall'effetto comico.

Entrato a Rai Tre alla fine degli anni Settanta come critico cinematografico, Enrico Ghezzi dimostra il proprio estro nel rinnovare il linguaggio televisivo nel 1988, quando dà vita a Fuori orario. Cose (mai) viste, contenitore di frammenti di film, documenti di rilevanza storica, cortometraggi, solitamente esclusi dai palinsesti tradizionali. Il filone della memoria storica lo convince e decide di insistervi lavorando a un nuovo progetto in collaborazione con un navigato dirigente Rai, Angelo Guglielmi, e l'autore Marco Giusti.

L'idea che prende forma è quella di una striscia quotidiana breve, che raccolga da qualsiasi emittente pezzi sparsi di programmi, telegiornali e film, creando un racconto ai limiti del paradossale e permeato da una satira intelligente, che si fa beffe di tutto e di tutti. Per il titolo i tre si ispirano a Blob - Fluido mortale, noto film horror del 1958, che vide debuttare da protagonista un giovanissimo Steve McQueen.

Riprendendo nell'apertura la colonna sonora e la scena madre del fuggi fuggi generale dal cineteatro, di fronte alla mostruosa creatura extraterrestre, si lascia intendere la "mostruosità" del contenuto del programma, nel riproporre il "peggio" di ciò che è apparso sul piccolo schermo. Con il nome Blob, di tutto di più, la striscia debutta alle 20 di lunedì 17 aprile del 1989.

Tra i protagonisti di quella sera, i presentatori Maurizio Costanzo e Mino Damato insieme al comico Gianfranco D'Angelo. Già dai primi giorni l'effetto è dirompente nel pubblico, mentre i bersagliati dalla satira (politici, giornalisti, personaggi famosi) cominciano a farsi sentire con le prime proteste e querele.

Si creano dei veri e propri tormentoni basati su gaffe, lacrime, momenti imbarazzanti, frasi fatte, collegate spesso a eventi di cronaca anche drammatici, che vengono sacrificati in nome della satira più dissacrante. Ciò espone più volte il programma ai colpi della censura, da cui tuttavia esce quasi sempre indenne per l'ampissimo consenso di cui gode nello stesso ambito televisivo e tra l'opinione pubblica.

Conservando negli anni la collocazione su Rai Tre tra le 20 e le 20.30, con una durata oscillante tra i 5 e i dieci minuti, Blob diventa un programma cult, sopravvivendo a periodi di crisi (l'addio di Giusti nel 1997) e di rinnovamento dei palinsesti.






Questo è un articolo pubblicato il 17-04-2019 alle 07:26 sul giornale del 17 aprile 2019 - 107 letture

In questo articolo si parla di attualità, storia, programma, tv, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6BB

Leggi gli altri articoli della rubrica Accadde Oggi





logoEV