E' la vittima più giovane della strage di Corinaldo: Senigallia ha detto addio a Emma Fabini

1' di lettura 13/12/2018 - Senigallia ha detto addio alla più giovane delle vittime della strage di Corinaldo. Si sono celebrati giovedì alle 11,30 alla chiesa del Portone i funerali di Emma Fabini, la 14enne, tra le sei vittime della Lanterna Azzurra.

Una folla mesta, compunta ma piena di dolore ha voluto dare l'ultimo saluto ad Emma, lei che come Asia, Daniele, Benedetta, Mattia e mamma Eleonora, ha pagato con la vita una tragedia che poteva essere evitata. Sotto la pioggia, i primi ad entrare in chiesa, sono stati i genitori di Emma, abbracciati per sorreggersi in un dolore insopportabile, poi il feretro e dietro una folla di amici, parenti e i compagni e gli insegnanti della 1A del liceo classico Perticari.

Nella sua omelia il parroco don Paolo Gasperini ha voluto sottoneare che "la giustizia farà il suo corso, ma ora serve il silenzio per arrivare alla verità". "Ciascuno è chiamato a fare la sua parte -ha anche detto- la magistratura e la società, chiamata a prendersi cura uno dell'altro perchè nel silenzio arrivano le scelte autentiche".

Il Prefetto di Ancona Antonio D’Acunto, su incarico del Quirinale, ha fatto pervenire alla famiglia di Emma "le espressioni di profondo, commosso cordoglio e vicinanza" da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Dopo i funerali di Emma, venerdì alle 15 in Duomo ci saranno quelli di Daniele Pongetti e sabato mattina, alle 9 sempre in Duomo, quelli di Eleonora, la cui camera ardente è stata allestita, a partire dalle 15 di giovedì, all'Auditorium San Rocco.








Questo è un articolo pubblicato il 13-12-2018 alle 14:42 sul giornale del 14 dicembre 2018 - 659 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2qt