Arrestato 40enne pluripregiudicato osimano

11/06/2018 - Nella tarda mattinata di domenica, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. della Compagnia di Osimo, hanno arrestato per il reato di violazione degli obblighi imposti con la Misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S., con obbligo di soggiorno per la durata di anni 3, il pluripregiudicato osimano Marco Piergiacomi, 40enne, nato a Loreto, residente a Osimo, nullafacente.

L’iuomo noto come il “Signore delle truffe delle case vacanze fantasma della riviera del conero”, spiccato alla ribalta delle cronache per essere ricercato dalle “Iene di Italia 1”, inseguito dalle vittime truffate,è stato arrestato dalla radiomobile osimana poiché dalle precedenti ore 02:30 circa non è stato trovato nella propria abitazione, in violazione alle prescrizioni della Sorveglianza Speciale emessa dal Tribunale di Ancona, su proposta della Compagnia di Osimo, inflittegli con provvedimento datato 18.01.2017 e notificato il 24.01.2017, relative agli orari di permanenza in casa.

Nella circostanza i militari operanti, nel corso del controllo notturno si sono accertati che all’interno dell’abitazione era presente solo il padre del truffatore, il quale ha riferito che il figlio era uscito di casa sin dal 07.06.2018 senza ancora rincasare. Pertanto i carabinieri in turno della radiomobile hanno attivato le ricerche del 40enne senza riuscire a rintracciarlo.

Solo nella tarda mattinata di domenica, l’uomo è stato rintracciato e condotto negli uffici della caserma della Compagnia di Osimo, senza fornire plausibili spiegazioni riguardo il suo allontanamento e la violazione delle prescrizioni della Sorveglianza Speciale.

Cosicché, visti i gravi indizi di reità emersi a suo carico ed incline a violare le prescrizioni della Misura di Prevenzione a lui applicata, così come accertato in diverse occasioni; vista la violazione dell’art. 75 comma 2° D.Lgs. 159/2011 e la condotta antigiuridica che l’interessato recidivamente manifesta, proclive alle violazioni della Misura di Prevenzione a lui applicata, non curante delle norme e regolamenti, è stato dichiarato in stato di arresto.

Dell’avvenuto arresto veniva data notizia al P.M. di turno, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ancona Dott. Rosario Lionello il quale ha disposto che l’arrestato venisse tradotto presso la Casa Circondariale di Ancona. Di conseguenza, al termine delle formalità di rito e la sottoposizione al foto-segnalamento e rilievi dattiloscopici, l’arrestato è stato tradotto e recluso nel carcere di Montacuto.





Questo è un articolo pubblicato il 11-06-2018 alle 10:55 sul giornale del 12 giugno 2018 - 3702 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, arresto, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVt7