Loreto: barista denunciata per il reato di simulazione

07/06/2018 - Nella mattinata di giovedì, i Carabinieri di Loreto, a conclusione di indagini di P.G., hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona per il reato di simulazione di reato una barista pregiudicata identificata per C.C.,queste le sue iniziali, nata e residente a Loreto, 33enne nubile.

Sul conto della donna sono stati raccolti numerosi ed inconfutabili elementi che dimostrano che la stessa, in data 30.03.2018, aveva simulato il furto della propria autovettura Kia Picanto. Difatti, all’epoca dei fatti la donna denunciava tramite il Numero Unico d’Emergenza 112 il furto della propria autovettura a Loreto nei pressi del locale ospedale ad opera di un giovane che poco prima gli aveva chiesto delle informazioni.

La stessa autovettura a dire della denunciante, era stata abbandonata dall’autore del furto e danneggiata a seguito di urto contro un muretto di via San Francesco.

Una versione che sin dall’inizio non aveva mai convinto i carabinieri di Loreto che a seguito di Indagini sono riusciti, anche attraverso testimonianze e tramite la visione di alcune telecamere di videosorveglianza, che non vi era stato nessun furto di autovettura ma che la stessa denunciante 33enne, dopo aver causato l’urto della macchina contro il muretto, simulava il furto della sua autovettura, per poter ottenere il fraudolento risarcimento dalla propria assicurazione.

Di conseguenza a carico della barista è scatta la denuncia a piede libero alla competente Procura di Ancona.





Questo è un articolo pubblicato il 07-06-2018 alle 16:09 sul giornale del 08 giugno 2018 - 1360 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, denuncia, barista, simulazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVnP