Loreto: "Progetti di Vita Indipendente", contributi a favore delle persone con gravi disabilità

23/01/2018 - La Regione Marche, al fine di garantire il pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità in situazione di eguaglianza con gli altri, ha avviato sin dal 2007, un processo di sperimentazione di "Piani Personalizzati di Vita Indipendente" rivolti alle persone con disabilità grave e finalizzati al raggiungimento di una loro autonomia ed indipendenza individuale, ivi compresa la libertà di compiere le proprie scelte.

Attraverso i Piani personalizzati di Vita Indipendente si è garantito alle persone con disabilità il diritto all’autodeterminazione della propria esistenza e si è permesso loro di compiere azioni che la disabilità impedirebbe nonostante l’eventuale utilizzo di ausili tecnici.

La Regione Marche con DGR n. 1360/2017 ha approvato i nuovi criteri di attuazione del progetto regionale per la Vita indipendente per l’anno 2018 in favore delle persone con disabilità grave. I destinatari sono i soggetti con disabilità in situazione di gravità ai sensi dell’art.3, comma 3 L.104/92, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, residenti nelle Marche, in grado di esprimere la volontà di gestire in modo autonomo la propria esistenza e le proprie scelte.

La richiesta di intervento viene avanzata dalla persona con disabilità o dal tutore, dall’ amministratore di sostegno o da chi lo rappresenta. Il contributo regionale per la Vita Indipendente è di norma alternativo agli altri contributi regionali (disabilità gravissima; SLA, assegno di cura, servizi di sollievo) e subordinato all’ assegnazione del fondo specifico per questo intervento.

Le modalità per presentare la domanda sono: le persone con disabilità in qualità di richiedenti dei "Piani personalizzati di Vita Indipendente", devono trasmettere alla Regione Marche - Servizio Politiche Sociali e Sport , Via Gentile da Fabriano, 3 - 60125 Ancona, entro e non oltre il 28 febbraio 2018 con raccomandata A/R (fa fede la data del timbro postale) la seguente documentazione: 1) Domanda di ammissione redatta utilizzando il modello di cui agli allegati "C"/"C1"; 2) Piano personalizzato di Vita Indipendente, redatto d’intesa con l’Unità Multidisciplinare dell’Età Adulta (UMEA) o con il Dipartimento di Salute Mentale (DSM), l’assistente sociale dell’ente locale di residenza e/o l’assistente sociale dell’Ambito Territoriale Sociale di riferimento, utilizzando l’allegato "D".

I Piani personalizzati devono indicare con precisione gli obiettivi, le azioni che si intendono perseguire (cura della persona; aiuto domestico; mobilità in casa, al lavoro e nel tempo libero) la descrizione e quantificazione delle necessità di aiuto alla persona e relativi costi e la dichiarazione del richiedente di assunzione di responsabilità che si assume con la stipulazione del contratto con l’assistente personale.

L’Ufficio Servizi Sociali del Comune fornisce l’apposita modulistica predisposta dalla Regione Marche, nonché informazioni ed eventuale assistenza alla compilazione. Il referente dell’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Loreto all’uopo preposto è l’Assistente Sociale Sig.ra Lucia Belli - orari di ricevimento Lunedì e Mercoledì dalle 10,00 alle 13,00, Martedì e Giovedì dalle 15,00 alle 18,00; telefono 071.7505624. Gli allegati sono scaribili sul sito del Comune.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2018 alle 09:52 sul giornale del 24 gennaio 2018 - 415 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, loreto, comune di loreto, progetto, contributi, disabilità gravissima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQW2