Astea: 'nessun caso Tari ad Osimo, pertinenze trattate a norma di legge'

13/11/2017 - Nessun caso Tari a Osimo. Il recente parere del Ministero dell’Economia e Finanze, che ha stabilito definitivamente le regole per il calcolo della tariffa rifiuti affermando che la quota variabile si calcola una sola volta e solo sulla superficie dell'abitazione e non sulle pertinenze, non espone il Comune di Osimo al rischio di rimborsi ai contribuenti.

Gli uffici Astea, che svolge per il Comune di Osimo il servizio igiene urbana, confermano che ai fini della Tari le pertinenze sono state trattate in modo conforme alla legge. Per tutti i contribuenti che hanno dichiarato, tra le pertinenze dell’abitazione principale, ad esempio il proprio garage, come previsto dalla legge non è stata applicata la quota variabile (dipendente dal numero dei componenti) in quanto già pagata per l’abitazione principale, ma soltanto la quota fissa dipendente dalla superficie calpestabile.

Astea ricorda che il regolamento Tari prevede che questo trattamento, previa dichiarazione da parte del contribuente, si applica anche ai garage che si trovano ad una distanza inferiore a 200 metri in linea d’aria dall’abitazione principale.

Per esempio: nel 2017 un contribuente che ha dichiarato il garage di 25 metri quadri quale pertinenza dell’abitazione principale di 100 mq, con numero di componenti pari a 3, ha pagato una quota fissa pari a 113,34 euro (0,90674 x 125 mq) e una sola quota variabile di 147,44 euro.





Questo è un articolo pubblicato il 13-11-2017 alle 17:05 sul giornale del 14 novembre 2017 - 708 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOSI