Castelfidardo: intossicazioni da tonno, l'Asur tranquillizza, "Non più in commercio i lotti coinvolti"

Pesce fresco 12/05/2017 - Il Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale dell’ASUR Marche - Area Vasta 2 conferma che non sono più in commercio, anche perché è stata superata per entrambi la data di scadenza, i due lotti di prodotti ittici che, dal 27 aprile scorso, avevano causato in alcuni cittadini la sindrome sgombroide, patologia simil-allergica alimentare causata dall’ingestione di un’elevata quantità di istamina.

Questa sostanza si può accumulare in alcune specie ittiche a causa di una scorretta conservazione dei prodotti: i responsabili sono, infatti, alcuni batteri presenti sulla cute dei pesci. I casi, tutti risolti, sono stati segnalati dal pronto soccorso di Fabriano (due), dal pronto soccorso di Senigallia (quattro) e dalla guardia medica di Castelfidardo (quattro). I pazienti hanno dichiarato di aver consumato tonno decongelato e, nella maggior parte, hanno specificato che questo era stato sottoposto a cottura, in due casi era stato, invece, consumato crudo.

L’istamina non viene comunque eliminata dalla cottura. Il Servizio Veterinario Igiene degli Alimenti dell’Area Vasta 2 si era immediatamente attivato per i provvedimenti del caso e aveva effettuato le analisi che avevano confermato la presenza di istamina. Erano stati individuati due lotti coinvolti, prodotti da un’unica ditta estera; le aziende italiane che avevano distribuito il prodotto nell’Area Vasta 2 avevano immediatamente attivato le procedure di ritiro-richiamo


da D.ssa Laura Fausta Rota
P.O. Responsabile URP
Area Vasta 2 - Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2017 alle 12:32 sul giornale del 13 maggio 2017 - 2085 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesce, urp, Area vasta 2, pesce fresco

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJgV