Atletica: grande performance degli atleti osimani alla maratona di New York

4' di lettura 12/11/2016 - La New York City Marathon giunta quest’anno alla sua 46^ edizione, ancora una volta ha dimostrato di essere la più grande maratona al mondo in assoluto con il nuovo record di 51.257 maratoneti ad aver portato ha termine la gara .

Tutto ciò ci fa capire oggi come la sola partecipazione alla maratona di New York rappresenti per molti maratoneti un traguardo importante e significativo nella storia sportiva di ciascuno di loro, che va al di la del risultato agonistico .

Vincitore assoluto il giovanissimo eritreo Ghirmay Ghebreslassie, campione del mondo a Pechino 2015, con lo straordinario tempo di 2 ore, 7 minuti e 51 secondi, è risultato il più giovane vincitore di sempre. Tra le donne si è imposta per la terza volta consecutiva la keniana Mary Keitany, unica a realizzare la tripletta dopo quella della mitica norvegese Grete Waitz detentrice del record in assoluto di ben 9 vittorie

Anche quest’anno 2.819 gli atleti italiani partecipanti, secondi per numero solo agli statunitensi, ma assai lontano dal record di presenze del 2011, quando a tagliare il traguardo furono ben 3.408 maratoneti italiani .

Il miglior risultato, ottenuto quest’anno da un’atleta Italiano, il 26° posto di Giovanni Gualdi con il tempo di 2h 22’, risultato questo ben lontano dai tempi in cui l’Italia primeggiava a livello mondiale con le vittorie di Orlando Pizzolato nel 1984 e 1985, con Gianni Poli el 1986, per ritornare di nuovo alla ribalta 10 dopo Giacomo Leone nel 1996, e finire con l’ultima vittoria di Franca Fiacconi nel 1998, a quel tempo seguita ed allenata dal nostro compianto Pofessor Romano Tordelli.

Pur vero è che i tempi realizzati in questa difficile Maratona Newyorchese non possono essere paragonati a quella di Berlino, riconosciuta tra le più veloci al mondo, dove il mese scorso l’etiope Kenenisa Bekele per soli 6 secondi ha sfiorato il record mondiale , stabilito sempre a Berlino nel 2014 dal keniano Kipruto Kimetto in 2h 02' 57".

Tante le aspettative del gruppo degli atleti Osimani dell’Atletica Bracaccini che sono volati oltreoceano per vivere la loro avventura sportiva iniziata Domenica mattina con il passaggio sul ponte di Verrazzano fino all’arrivo immerso nella verde cornice di Central Park.

Più che soddisfatto sia per il risultato che per la bellissima esperienza Stefano Binci, ( 3.778 assoluto) che alla sua quinta esperienza ha chiuso la gara in 3h. 24’ 56”. Raggiunto al telefono ha così commentato “ Gara fantastica corsa tra due ali di folla, con il continuo incitamento “let’sgo- let’sgo “ seguito alla pronuncia del mio nome scritto sulla maglietta mi hanno fatto sentire come se fossi io in testa alla gara.

Ho realizzato il mio personale grazie anche ha questo grande spettacolo di pubblico e dello scenario che solo la Maratona di New York riesce a dare” Anche sua moglie Cristina Conti, ( 11.105 assoluta) spinta dalla voglia di far bene è riuscita a correre sui propri ritmi metabolizzati nei duri allenamenti dei mesi scorsi, ed ha chiuso la gara in 3h. 55’03” realizzando anche lei il suo nuovo personale .

Per Bruno Vigiani , (18.954 assoluto ) 4 h. 15’18” arrivato all’atletica, forse un po’ tardi, con tanto entusiasmo e la tanta voglia di correre, ha sfidato per la seconda volta questa impegnativa prova, dove è riuscito ha scendere di due minuti sotto il suo personale.

Generosa la prestazione fornita da Luca Cesari (4.588 assoluto) che alla fine ha dovuto stringere i denti per chiudere la gara in 3h 30’22” . Per Marilena Cesarini, (4.588 assoluta) il tempo realizzato di 3h 26’37”, un risultato che non premia il valore di questa atleta a cui non è bastata la sua forte carica agonistica per riuscire ad abbassare il suo personale.

I loro altri due amici Francesco Curina ( 2.668 assoluto ) un veterano delle lunghe distanze ha corso la sua 26esima maratona per provare quelle forti emozioni che solo questa gara possono dare e realizza secondo le sue aspettative un 3h19’29”. L’ altro Osimano, loro compagno di allenamenti e di avventura, Fabrizio Turchetto, (436 assoluto) chiude la sua prova in 2h53’19


da Atletica Amatori Osimo Bracaccini





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-11-2016 alle 08:48 sul giornale del 14 novembre 2016 - 4116 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, osimo, amatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDol





logoEV