Castelfidardo: vola l'export del distretto della Fisarmonica, +13,10% nell'ultimo anno sul 2014

Fisarmonica 2' di lettura 04/05/2016 - Il distretto della fisarmonica di Castelfidardo e comuni limitrofi è più vivo che mai, soprattutto nell’export. Il dato estrapolato dal monitor dei Distretti delle Marche curato dal Servizio studi e ricerche di Intesa Sanpaolo per Banca dell'Adriatico parla di un incremento del 16,10% di esportazioni comparando il quarto trimestre del 2015 con quello dell’anno precedente, mentre il dato complessivo del confronto tra l’anno 2015 con il 2014 segna un più 13,10%.

“Il dato rilevato da Intesa SanPaolo – afferma Paolo Picchio, segretario mandamentale di Confartigianato e Presidente del Consorzio Music Marche – non è frutto solo del dinamismo delle nostre imprese sui mercati internazionali, c’è dell’altro.

Tra il 2008 e il 2015 sono quasi 6 i punti percentuali di crescita in più per le imprese dei distretti rispetto alle aree non distrettuali. I distretti, inoltre, hanno completamente recuperato quanto perso durante la crisi e sono tornati ai livelli di fatturato del 2008. Questo significa che le relazioni tra le imprese all’interno del distretto consentono comunque un maggior vigore nell’attività di innovazione, nella capacità di essere flessibili pur preservando capacità produttive in alcuni casi iper-specializzate, nella capacità di seguire il modificarsi dei mercati stranieri.

C’è un mix di collaborazione e competizione”. Il comparto viene stimato circa a 50 milioni di Euro annui di esportazione e il numero delle imprese che lo compone è stabile (con l’indotto sono oltre 100). “La sfida del futuro – conclude Picchio – è quella del passaggio di competenze (che sono sia manuali, sia tecniche) a nuove leve che dovranno proseguire questo trend di risultati positivi immettendo all’interno di questa produzione di eccellenza anche quei caratteri innovativi indispensabili per fare in modo che Castelfidardo stia sempre più avanti delle industrie concorrenti dell’estremo Oriente, Cina e Corea del Sud per prime”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2016 alle 17:46 sul giornale del 05 maggio 2016 - 805 letture

In questo articolo si parla di economia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awy9





logoEV