'Nun ce se po' crede... adé Latini se mette pure a fa' lezione d'Italiano....'

1' di lettura 19/03/2014 - Nun ce se po’ crede… adè Latini se mette pure a fa’ lezione d’Italiano e se ‘ncavola se giù l’uspedale hanne ‘taccado su un po’ de cunsiji per cui pòri mmaladi, scritti ‘n dialetto. E’ robba da matti. Ma quesso nun c’ha probio niente da pensà?

Addirittura ha ditto che il personale che ha ‘ttaccado su cul decalogo in dialetto se duvria licenzià… duttori, ‘mministradivi, ‘nfermieri… tutti… per lu’ è troppo scandaloso a scrive qualco’ in dialetto. E qùi puretti je c’hanne pure dovudo risponne: j’hanne detto be’ de stasse zitto… visto che ‘n tutti ‘si anni, dobo ave’ promesso pri-mari e monti de cavulade su le robbe che duvea fa’ pe’ l’uspedale de Osimo, ade’ j’ha tuccado a raccomannasse alla Pruvvidenza… va beh… lassamelo sta’… nu lu sa manco lu’ cusa dee fa… se buttasse ‘nte la mischia elettorale o se fa’ scanna’ a quel’altri… intanto ce ricorda sempre che lu’ c’è… magara pe’ di’ qualche cujoneria… ma va be’… qual è il prubblema? L’impurtante, e ve lo digo papale palale, è ‘nda sul giurnale… anche se quello che dighi, nun conta e nun vale!!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2014 alle 10:36 sul giornale del 20 marzo 2014 - 2753 letture

In questo articolo si parla di attualità, argentina severini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Z9c





logoEV