Furto al supermercato per oltre 2500 euro, denunciati sette rumeni pregiudicati

carabinieri arresto 25/01/2014 - I Carabinieri della Compagnia di Senigallia, al termine delle indagini su una serie di furti avvenuti la notte tra venerdì e sabato all'interno di una discoteca del posto, hanno tratto in arresto un 28enne.

Il 28enne Marco De Biasi, nel corso della notte tra venerdì e sabato, aveva rubato 320 euro complessivi a tre giovani frequentatrici del noto locale notturno senigalliese. Infatti, come accertato dai militari, il giovane aveva rubato 300 euro complessivi da due borse di altrettante ragazze all'interno della discoteca e 20 euro da un'auto che si trovava nel piazzale antistante il locale.

Pertanto è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato continuato e trattenuto nelle camere di sicurezza della Caserma. Sabato è stato quindi accompagnato innanzi al Tribunale di Ancona per il rito direttissimo, al termine del quale è stato condannato ad un anno ed al pagamento di 300 euro con pena sospesa.

Gli stessi militari, sabato mattina, in collaborazione con i colleghi di Castelfidardo hanno denunciato in stato di libertà sette rumeni pregiudicati per furto aggravato in concorso.

Si tratta di M.N.I. Classe 1982 e I.I.L. classe 1981, entrambi residenti a Torino; S.V.M. classe 1990, S.I.A. classe 1991 e S.A. classe 1989, tutti senza fissa dimora; M.I.V. classe 1982 domiciliato a Milano e S.C. classe 1991 domiciliato in provincia di Pesaro, riconosciuti quali responsabili di alcuni furti commessi a danno di supermercati di Osimo, Castelfidardo, Senigallia e Marotta di Mondolfo. Per loro un bottino complessivo di oltre 2500 euro.





Questo è un articolo pubblicato il 25-01-2014 alle 19:05 sul giornale del 27 gennaio 2014 - 896 letture

In questo articolo si parla di cronaca, mondolfo, carabinieri, osimo, senigallia, castelfidardo, arresto, Sudani Alice Scarpini, denuncia, marotta di mondolfo, furto aggravato in concorso

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XyV


utente registrato

27 gennaio, 11:21
Perché questi 7 sono stati rimessi in libertà visto che sono già pregiudicati e compiono reati in associazione? Non sarà il caso di rimandarli a casa loro?

maurizio caminati

27 gennaio, 11:42
Per il giovane italiano autore di furti in discoteca: avrebbero dovuto fargli scontare la pena nelle nostre pessime carceri così almeno una lezione sarebbe potuta servire. Inoltre si saree data soddisfazione legittima ai derubati che in questo modo passano solo per dei coglioni loro malgrado.

Per i cittadini rumeni, oltre a non pubblicare il nome e cognome come per l'italiano: mancano solo le scuse per
loro da parte delle forze dell'ordine, oltre che ad un bel rimborso economico per il danno morale da loro subito ed anche per il motivo che le forze dell'ordine si sono permesse di interrompere e turbare la loro PROFESSIONE , cioè si sono comportate da rompiballe.

Ho sentito tanti stranieri dire questo concetto: qui in Italia, con le vostre leggi, possiamo fare quello che ci pare, mentre altrove non si può. Buonismo da parte del giudice? direi piuttosto cavarsi le braghe e coglioneria di bassa taglia.
maurizio caminati