Atletica: lo sport scuola di vita. Parlano le atlete della Bracaccini'

12/01/2014 - In questa società dispersiva e virtuale, dove più delle volte i valori propagandati sono diversi da quelli del miglioramento dell’individuo , educare i nostri giovani per farli crescere in un modo equilibrato rimane molto difficile.

Oggi più che ieri lo sport, insieme alla famiglia e alla scuola fa parte di quella importante filiera pedagogica ed educativa, capace di far crescere i nostri ragazzi con sani e imprescindibili principi di lealtà, rispetto di se stessi, degli altri e delle regole della vita. Seppur vero che l'intelligenza è un fattore personale, ma la cultura la si fa sui banchi di scuola, trovare il giusto equilibrio fra studio e sport non è cosa facile. Una testimonianza di giusto equilibrio ci viene data da un gruppo di ragazzi dell’atletica Atletica Amatori Osimo Bracaccini, che l’anno scorso sono stati premiati con borse di studio per il buon profitto scolastico e sportivo.

Nella Festa dell’Istituto d’Istruzione Superiore Corridoni-Campana, al Palabaldinelli, alla presenza di autorità civili, militari, sportive e rappresentati del mondo imprenditoriale, sono state premiate per meriti scolastici le sorelle Sara e Rebecca Badioli, Martina Strappato, Laura Scoccianti e per meriti sportivi Luca Marconi, Giulia Marchetti, Beatrice Cavezzi e Alessandro Antonini .

Con una sua diretta testimonianza Rebecca Badioli, che oltre all’atletica pratica nuoto e triathlon, ha dato la sua diretta testimonianza. 'Per me praticare contemporaneamente, più discipline sportive rappresenta una grande ricchezza. Posso assicurare che trovarsi coinvolti in attività e ambienti tanto differenti è una grande occasione che ti aiuta notevolmente ad aprire la mente e a formarti caratterialmente. Tutto questo mi obbliga a sviluppare una certa abilità organizzativa e stabilire una priorità di valori. Per poter praticare più sport contemporaneamente, sono richiesti passione, determinazione e il saper stabilire quando è necessario che si sacrifichi un impegno a favore di un altro. All’inizio potrà sembrare un peso o una privazione, ma che poi ripagherà in termini di soddisfazione personale.”

L’altra sorella Sara Badioli ha espresso le varie difficoltà che uno studente incontra nel coniugare studio e sport. 'Sinceramente studiare e allo stesso tempo praticare uno sport a livello agonistico non è facile. La difficoltà nel coniugare le due cose nasce principalmente dal problema tempo. Ecco allora che serve capacità di organizzazione e voglia di fare: sfruttare ogni momento, avvantaggiarsi,cercare di ottenere sempre il massimo profitto dallo studio, concentrarsi e mai rimandare. Qualche sacrificio magari va fatto e si esce una volta di meno il sabato sera, ma come dimostra il nostro gruppo si vive bene lo stesso e si ottengono ottimi risultati in entrambi i campi. “

Questi ragazzi che non hanno più la possibilità di vivere la magnifica esperienza del cortile o dei tantissimi Oratori parrocchiali, fucina di grandi campioni, si chiedono come nasce la passione per lo sport e Martina Strappato, che oltre all’atletica pratica anche calcio, ha risposto 'Ho iniziato a praticare atletica all’età di sei anni e in poco tempo questo sport è diventato una passione. Mi sono innamorata di questo sport anche grazie al fatto che l’atletica nella mia famiglia era un po’ come il pane quotidiano visto che sia mio padre che mio fratello corrono. Questa passione è qualcosa che ti da la forza per fare dei sacrifici, per non arrenderti anche quando sembra troppo difficile, per raggiungere gli obbiettivi che ti sei prefissata e per condividere questa gioia con i tuoi compagni'.

Consigliare un giovane studente che abbia intenzione ad avvicinarsi ad una disciplina ha suggerito Beatrice Cavezzi 'Di cimentarsi in qualcosa di cui è interessato perché una qualsiasi attività richiede interesse e impegno. Consiglierei, in secondo luogo, di prendere con serietà lo sport nel senso di portarlo avanti con piacere, impegno e sacrificio, ma allo stesso tempo di prenderlo come un modo per svagarsi, divertirsi e rilassarsi.”

Da queste raccolte testimonianze traspare una nuova generazione di ragazzi che seppur amando le nuove tecnologie, riescono a staccare il cellulare, a sconnettersi da facebook e dal computer quando studiano e che per partecipare alle gare rinunciano alle lunghe dormite della domenica mattina .


da Atletica Amatori Osimo Bracaccini




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2014 alle 19:55 sul giornale del 13 gennaio 2014 - 563 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica, osimo, amatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/WZb