Bocce: il 6 gennaio alla bocciofila Sacra Famiglia si gioca per la solidarietà e per la Lega del Filo D'oro'

3' di lettura 04/12/2013 - “Il bocciodromo non è solamente uno spazio in cui si pratica lo sport sano, ma anche un luogo di aggregazione sociale e solidale”. Sono le parole del presidente del Consiglio regionale, Vittoriano Solazzi, quelle che colgono nel segno, la miglior prefazione per introdurre “Giochiamoci una bella partita di solidarietà”, manifestazione organizzata dalla Fib Marche in collaborazione con il Coni regionale ed il patrocinio dell’Assemblea legislativa delle Marche.

La manifestazione è finalizzata a sostenere la Lega del Filo d’Oro e numerose altre associazioni locali, presentata ad Ancona nella Sala Europa di Palazzo Leopardi. 'Questo evento è un mix di sport e solidarietà – ha proseguito Solazzi –, un’iniziativa altamente sociale che l’Assemblea legislativa ha scelto di sostenere in maniera convinta e durevole'.


Dopo le fasi provinciali che hanno coinvolto i bocciodromi di Oikos Fossombrone, E. Campanelli Moie, Fontespina Civitanova e San Michele Lido di Fermo, “Giochiamoci una bella partita di sport” vivrà il 6 gennaio (ore 14:30) alla Bocciofila Sacra Famiglia di Osimo (società recentemente insignita dal Coni con la stella al merito sportivo) la giornata conclusiva, nella quale il ricavato della manifestazione verrà consegnato alla Lega del Filo d’Oro.

'Sono 20 anni che esiste questo rapporto di amicizia e di affetto con il Comitato regionale della Fib – ha sottolineato Guido De Nicola, consigliere dell’associazione che assiste, educa, riabilita e reinserisce nella famiglia e nella società le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali – ed a tutti i dirigenti delle bocce voglio esprimere un ringraziamento infinito per l’impegno e la passione che investono in questa iniziativa'.

Per quella che è 'solamente una goccia nel mare, ma per noi è importante essere utili nei confronti del prossimo e lo facciamo con dedizione ed entusiasmo', ha ribadito il consigliere Fib, Giuseppe Pasquali. 'Le Marche dello sport da sempre danno grande lustro all’Italia – ha detto il delegato provinciale del Coni Ancona, Fabio Luna –, ma la medaglia più bella è non dimenticare chi ha bisogno di sostegno, come fa la Federbocce'.

Il presidente della Fib Ancona, Gregorio Gregori, è poi entrato nei dettagli di una manifestazione che ad Osimo vedrà in gara i finalisti delle gare provinciali nella categoria A-B e nella categoria C-D. Ma non solo, perché la kermesse della Sacra Famiglia, intitolata alla memoria dell’indimenticato Cav. Dino Catinari, a lungo presidente onorario della Fib Marche, vedrà impegnati sulle corsie dell’impianto osimano gli stessi dirigenti delle bocce in un gustoso prologo. 'Gareggiamo anche noi – ha sottolineato Gregori – per contribuire con le nostre ulteriori iscrizioni a questo evento. Sarà una bella manifestazione di sport, ma soprattutto sarà una stupenda giornata all’insegna della solidarietà'.

Hanno partecipato alla conferenza stampa il consigliere regionale, Enzo Giancarli, che ha confermato l’entusiasmo con cui l’Assemblea legislativa “sostiene una manifestazione che porta con sé i valori della Lega del Filo d’Oro e dell’aggregazione sportiva”, ma anche Marco Palazzetti e Tonino Nicolini rispettivamente presidente e vice della Ermanno Campanelli di Moie, una delle quattro bocciofile che hanno ospitato l’ouverture di “Giochiamoci una bella partita di solidarietà”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2013 alle 16:57 sul giornale del 05 dicembre 2013 - 665 letture

In questo articolo si parla di sport, osimo, lega del filo d'oro, bocce, Fib Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Vuw





logoEV