Pagamento di un conguaglio per l'igiene urbana, Liberi e Forti: 'Astea doveva dilazionare il pagamento'

bollette 17/12/2012 - In questi giorni alcuni nostri concittadini si sono visti recapitare, da parte di Astea S.p.a., una “bolletta” con la quale, a seguito di controlli effettuati dall'azienda, si chiede il pagamento di un conguaglio per l'igiene urbana. Astea S.p.a., ha infatti rilevato che i nuclei familiari degli interessati sono variati in aumento e, quindi, non ha potuto far altro che richiedere il pagamento di quanto dovuto dagli stessi e mai corrisposto.

Il Gruppo Liberi e Forti- Forza Osimo concorda con l'operato dell'Astea S.p.a.: è giusto che tutti noi paghiamo quanto dovuto ma Astea S.p.a. Avrebbe potuto e dovuto dilazionare il pagamento richiesto.

In questo mese di Dicembre i nostri concittadini (come tutti gli Italiani) saranno chiamati a versare il saldo dell'IMU. Questa imposta, voluta dai partiti italiani per coprire gli spaventosi buchi causati dagli stessi partiti in anni di scellerata gestione della cosa pubblica, comporterà sicuramente un notevole esborso per gli osimani. Aggiungere a questo esborso anche la richiesta di un conguaglio (ripetiamolo: giusto e dovuto) potrebbe mettere in crisi non poche famiglie del nostro Comune.

Il Gruppo Liberi e Forti-Forza Osimo intende dunque proporre al Sindaco ed alla Astea S.p.a., di consentire ai destinatari delle richieste di conguaglio, qualora questi lo vogliano, di poter pagare quanto dovuto rateizzando l'importo richiesto nelle bollette dell'anno 2013. In questo modo, con un piccolo aumento nelle bollette a venire sarà possibile evitare il salasso immediato e, nel contempo, l'Astea S.p.a potrà ottenere quanto dovuto.

Un semplice gesto che diventa un aiuto concreto per le famiglie.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-12-2012 alle 15:43 sul giornale del 18 dicembre 2012 - 666 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, bollette, Liberi e Forti-Forza Osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HmK


Alessandro Gin.

22 dicembre, 18:28
Ma dal momento che uno iscrive un figlio all'anagrafe, non ci devono pensare gli addetti comunali a comunicare all'Astea il cambiamento del nucleo familiare?? Dove sta scritto che ci deve pensare il cittadino?