Latini: proposta di legge per la trasparenza delle spese in Regione

Dino Latini 1' di lettura 30/10/2012 - La proposta presentata ieri dall’ Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Legislativa della Regione Marche va più che bene per dare trasparenza e accesso ai dati a tutti i cittadini, ma il passo ulteriore da fare è la riduzione delle spese per l’attività politica che gli stessi cittadini ci richiedono con insistenza.


da Dino Latini
Capogruppo Assemblea Legislativa




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-10-2012 alle 18:52 sul giornale del 31 ottobre 2012 - 1473 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, ancona, dino latini, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/FwO


Commento modificato il 30 ottobre 2012

Siete patetici e nettamente in ritardo di anni; ora che i buoi sono usciti dalla stalla "gli stessi cittadini ci richiedono con insistenza" di andare a casa, perchè non siete più credibili nessuno, tu compreso.

Commento modificato il 31 ottobre 2012

Se è stata fatta una proposta di legge solo ora, significa che prima non è stato fatto nulla. Qual'è la conclusione più logica quindi? Che chi non ha fatto nulla prima non può pretendere di fare qualcosa adesso, deve solamente ritirarsi a vita privata. In parole povere, deve andare a casa. Per quanto riguarda poi le spese della politica, se adesso ne viene chiesta la riduzione significa che prima si è sperperato. Qual'è la conclusione più logica quindi? Che chi ha sperperato prima non può rifarsi una verginità adesso diventando virtuoso, deve solamente prendere il libretto degli assegni, restituire almeno la metà di ciò che ha preso e ritirarsi a vita privata. Troppo comodo togliere il disturbo gratis.

fausto giuliodori

31 ottobre, 19:36
la tua proposta è fuori tempo massimo e come la legge sul rimborso spese elettorali è schifosamente contro quanto abrogato dal referendum popolare che chiaramente disse che non è permesso il contributo pubblico ai partiti




logoEV