Offagna: estorsione a luci rosse per un offagnese, arrestata badante polacca

Carabinieri 1' di lettura 17/10/2012 - Una donna polacca è stata arrestata dai Carabinieri di Offagna per una tentata estorsione ai danni di un cittadino del borgo medioevale.

La vicenda inizia un mese prima, quando la ragazza, una 38enne in Italia per lavorare come bandante, incontra un 47enne benestante di Offagna. Tra i due scocca subito una scintilla che si trasforma in un amore clandestino.

Una storia che prende però una brutta piega dal 6 ottobre scorso, dopo l’ultimo incontro dei due, a Senigallia. Dopo aver avuto un rapporto sessuale (consenziente) in un albergo della città, l’uomo decide di troncare la relazione. La donna, per tutta risposta, si oppone e arriva a minacciare l’offagnese di raccontare alla famiglia di lui la relazione segreta.

Il culmine, però arriva con la tentata estorsione: la donna polacca invia un sms all’amante intimandolo di pagare 300 euro, altrimenti avrebbe denunciato l’uomo alla Polizia per violenza sessuale.

L’offagnese si è così rivolto ai Carabinieri di Offagna, raccontando l’accaduto e la tentata estorsione. Su consiglio dei militari ha acconsentito ad incontrare la donna a Montignano di Senigallia, come da lei stessa richiesto. Ma all’incontro c’erano anche i Carabinieri, in borghese, che hanno seguito tutto il faccia a faccia tra i due ex amanti. Una volta avuti i soldi, la donna si è allontanata ma è stata subito bloccata dai due agenti.

La badante polacca è stata poi trasferita alla Caserma di Offagna, dove è stata identificata per Malgorzata Katarzyna Niedzwiedz, coniugata e senza precedenti penali.






Questo è un articolo pubblicato il 17-10-2012 alle 14:33 sul giornale del 18 ottobre 2012 - 1689 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, offagna, estorsione, emanuele barletta, notizie offagna, carabinieri offagna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/E4l





logoEV