Latini: 'Servono interventi per un milione di euro per l'ospedale di Osimo'

1' di lettura 04/10/2012 - Giustamente si investe molto sull’ospedale di Fabriano per renderlo più funzionale. Giustamente si è deciso di riaprire un mutuo per l’Inrca di Appignano.

Giustamente si avviano interventi con accensioni di mutui per l’ospedale di Recanati e cosi via, ma non vi sono fondi per l’ampliamento delle strutture d' emergenza dell’ ospedale SS Benvenuto Rocco di Osimo. Occorre trovare almeno un milione di euro per svolgere gli interventi necessari che da anni attendono. Un errore? Una svista? Una mancata programmazione? Nulla e tutto questo, in danno potenziale di chi deve ricevere urgente e necessaria assistenza sanitaria. Così non può essere. Insisto per l’avvio di un ospedale della provvidenza che salti questa fase di stallo e si proietti in un futuro per la sanità della zona è necessario ripensare al mutualismo e alla solidarietà verso la persona, in termini nuovi e diversi, senza ritardi e rinvii.



da Dino Latini
Presidente della Commissione Bilancio
della Regione Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2012 alle 17:12 sul giornale del 05 ottobre 2012 - 1579 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Eys


Tralasciando il passato, sul quale è meglio stendere un velo pietoso, ben venga una soluzione diversa da quelle programmate che sono punitive per la nostra zona ma le opposizioni dove sono? Sono ancora rimaste legate al passato, con la nomenclatura che vorrebbe allungare l'ombra anche sul futuro o riescono finalmente ad ascoltare le voci del popolo o vogliono essere rottamate da Renzi? In entrambi i casi, le opposizioni che invece nel nostro caso governano la regione non hanno minimamente neppure applicato il buon senso di operare per il bene di tutta la collettività ma ora si sta chiarendo tutto e spero (e come me molti altri sperano) che presto se ne vadano a casa cacciati dal popolo elettore visto il maltrattamento a cui e stato sottoposto il nostro territorio e questo per il solo gusto di amministrare il potere "pro domo sua".
Vediamo cosa riuscirà a fare il nostro eroe locale al quale, fatti salvi gli interessi politici, va comunque il plauso essendo l'unico osimano ad incominciare certe iniziative a difesa delle fasce bisognose di servizi sanitari efficienti. Gli ex-comunisti osimani sotto la grande regia del piccolo B........... non riesce a cogliere altro all'infuori del pettegolezzo da piazza delle erbe.

Blah, blah, blah.