1 ottobre: Il Pd provinciale incontra le forze sociali ad Ancona

emanuele lodolini 2' di lettura 30/09/2012 - Si terrà lunedì 1 ottobre ad Ancona un incontro tra una delegazione del PD della provincia di Ancona e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil per discutere la situazione economica e finanziaria del territorio provinciale.

Il PD ha già espresso nei giorni scorsi la propria preoccupazione per l'abbassamento significativo delle previsioni di crescita in tutta Europa e in particolare in Italia. Cadono i consumi, l'occupazione, gli investimenti, anche in provincia di Ancona. In questo contesto, di fronte alle scelte del governo, il Pd chiede all'esecutivo di mantenere la tutela delle fondamentali condizioni di vita e sociali di un Paese già duramente provato. Il Pd chiede in particolare al governo di mettere al primo posto il tema del lavoro e di non prevedere ulteriori interventi restrittivi su scuola e politiche sociali.

"Con le forze sociale il 1 ottobre e nei giorni successivi con le categorie economiche discutere della situazione industriale, del dato preoccupante dal punto di vista occupazionale e anche del tema di come affrontare una fase che sarà ancora una fase difensiva''. Lo evidenzia il segretario del Pd, Emanuele Lodolini, alla vigilia dell' incontro con Cgil, Cisl e Uil che si terrà nella sede anconetana del Partito alla presenza dell'organizzatore nazionale del PD, Nico Stumpo.

''Bisogna attrezzarsi per affrontarla - ha aggiunto Lodolini - con il sistema degli ammortizzatori, come praticarli e come finanziarli, e un'attenzione per riattivare gli investimenti e i consumi. E attorno a questo una riflessione sul futuro: mettere un pò di crescita, un pò di lavoro e un pò di uguaglianza nelle prossime riforme perchè se fin qui ci siamo allontanati dal baratro la dinamica è ancora negativa. La fiducia nella ripresa c'è sempre, ma, conti alla mano, la luce della ripresa è ben lontana dal venire. Questa è purtroppo la realtà''. "In tutto questo c'è la volontà di proseguire una modalità di lavoro che il PD in questa provincia ha adottato sin dal 2008, quando emergevano i primi segnali della crisi, all'insegna dell'ascolto e del confronto con forze sociali e produttive per monitorare l'emergenza e ragionare su un nuovo modello di sviluppo per il futuro del territorio"






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2012 alle 16:27 sul giornale del 01 ottobre 2012 - 396 letture

In questo articolo si parla di attualità, emanuele lodolini, ancona, pd


Ve potevate preoccupare prima..............ve preoccupate dopo? siete come quelli che si preoccupano di chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati. Siete dei "fenomeni", quasi dei saltimbanchi ...........