Severini (Pd) sul Palabaldinelli: 'Andrebbe ribattezzato il Palazzetto di San Patrizio'

25/05/2012 - Prendiamo atto che per il consigliere Cappanera la realizzazione del Palabaldinelli è stata un’ottima scelta politico-amministrativa della gestione Latini: il consigliere di Su la Testa fa la difesa di ufficio del Palabaldinelli...

...che a mio avviso potrebbe oggi essere ribattezzato il Palazzetto di San Patrizio, in quanto continuerà a costare ai cittadini un sacco di soldi per molti anni ed è ridotto a distanza di poco tempo ad una cattedrale nel deserto che viene utilizzata per tutto, tranne che per gli scopi iniziali, costato solo di investimento 5.069.654 euro, a cui vanno aggiunti centinaia di migliaia di euro di perdite e di contributi per la gestione alla Geosport e alla Robur.

Questa vicenda serve soprattutto per dimostrare quanto sia stata poco oculata la politica legata al patrimonio pubblico durante l’amministrazione Liste Civiche: di fronte all’emergenza legata all’edilizia scolastica e addirittura ad un piano di alienazioni del patrimonio pubblico sproporzionato, si è preferito realizzare un palazzetto nel posto più sbagliato del mondo per una squadra che ora non può neanche più farci gli allenamenti, e in cui l’amministrazione è costretta ad inventarsi sagre e fiere di ogni tipo per dargli un senso e giustificare i suoi costi attraverso un minimo di attività.

Intanto la spesa per la collettività peserà per decenni (il comune paga circa 160.000 euro l’anno per il mutuo di 20 anni a tasso variabile, e altrettanti 200.000 ne paga la Geosport, ossia l’Astea). Per avere quale risultato? Ricordiamo che dal 2004 al 2011 le perdite della Geosport ammontano a 776.512 € , mentre di tutti i presunti introiti sull’indotto non è stato fatto minimamente cenno all’interno dei vari comunicati a firma Liste Civiche.

Abbiamo già ampiamente detto che il costo è a carico della collettività, indipendentemente dal fatto che i costi vadano ad incidere direttamente sulle bollette o su servizi in meno ai cittadini.

Tutto ciò per avere una squadra come la Robur che per la prima volta nella storia non si è potuta iscrivere al campionato e a cui è precluso l’utilizzo del palazzetto. Ma certamente su tale punto il nuovo cda della Robur avrà di che spiegare.

Nel frattempo Latini ci spiega l’Imu ed invita i sindaci al contenimento delle aliquote: ma con quale faccia lo fa, dopo aver fatto scelte tanto pesanti che noi cittadini dovremo sobbarcarci per anni?

La conclusione può essere solo una: avevamo bisogno di scuole e ci han rifilato “sòle”.


da Argentina Severini
Partito Democratico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-05-2012 alle 12:49 sul giornale del 26 maggio 2012 - 3510 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, robur basket, argentina severini, daniele cappanera, notizie osimo, liste civiche osimo, palabaldinelli osimo, geosport osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zxu


Commento modificato il 25 maggio 2012

La storia del PalaBaldinelli è molto semplice. Fu costruito per sopperire all'inadeguatezza del PalaBellini dopo che la Robur conquistò la Legadue. La Robur infatti, dopo la promozione, non avendo un palazzetto regolamentare per la Legadue, fu costretta per un pò a giocare a Porto San Giorgio. Il PalaBaldinelli, quindi, fu costruito per far giocare la Robur in casa propria. All'epoca, non una voce sportiva (per sportiva intendo dei tifosi) si sollevò contro la costruzione del nuovo palazzetto, anche se la presenza della Robur in Legadue era considerata una meteora, visti i costi esorbitanti che la Società sta scontando ancora oggi (la mancata iscrizione al campionato ne è una conseguenza). La costruzione del Palabaldinelli, alla luce dei fatti, può considerarsi frutto dell'ubriacatura generale, che ha fatto perdere il senso delle proporzioni di un'avventura sportiva che si è rivelata un salasso per le casse comunali. Il tutto per far divertire un pubblico di 1000 persone. In pratica, una città di 30.000 abitanti ha speso 5 milioni di Euro per il sollazzo di 4 gatti. Il fatto che adesso il PalaBaldinelli venga utilizzato per tutto meno che per il basket, è la prova provata che non è servito a un cazzo. Scusate la volgarità.

Ai quattro gatti che volevano tanto sollazzarsi e bearsi della meteora sportiva della Robur dovrebbe essere applicata una tassa di scopo - e solo a loro - per sopperire agli ingenti costi della "cattedrale nel deserto", da me definita da subito e da sempre; tanto i nomi di costoro li si conosce benissimo.
E poi proprio alle Casenove la costruzione della cattedrale nel deserto, guarda caso frazione di provenienza del precedente sindaco. Chissà perchè e come mai proprio li, mi chiedo.
Perchè dobbiamo pagare pure tutti noi altri osimani che della pallacanestro non ce n'è fregato mai un bel niente; il PalaBaldinelli se lo pagassero i tifosi "sfegatati", ora fuggiaschi, oppure gli amministratori che hanno preso certe dementi decisioni, per gratificarsi certamente di un ulteriore bacino elettorale con i soldi pure miei. Bravi.
Bravi " un mannigo"!
Ma vendetelo, ve lo ripeto ancora una volta; tanto un concerto come Laura Pausini, i Negramaro, Vasco Rossi mai verrà svolto in tale sito primo per mancanza di posti interni e parcheggio a sufficienza, ma soprattutto perchè non lo trova mai nessuno che viene da fuori.... non è segnalato neanche dal navigatore satellitare come zona. Infatti mi è capitato di dare più volte informazioni a persone che cercavano Villa ed il palazzetto, trovandomi semplicemente davanti casa mia in Via Ungheria; erano proprio allo sbaraglio.
Ecco il regalo fattoci alle presenti e future generazioni osimane; ma chi lo voleva e chi ve l'ha chiesto. Ed a che prezzo!
" Oh!, quessi scì che cabiscene, cui quadrì dell'altri" come diceva sempre la mia povera mamma.

Sono d'accordissimo con Colpoditacco...e non devi scusarti della volgarità,in confronto a ben altra volgarità e bassezza politica,è un complimento!

Volevo lasciare un commento, da ex sportivo praticante, ....sono arrivato in ritardo.
E' già stato scritto quasi tutto, purtroppo.
Uno sperpero di denaro cittadino di nessuna utilità per i giovani che devono essere avviati alla pratica ludico-sportiva.
I professionisti le attrezzature se le devono finanziare, la comunità deve provvedere all'avvio allo sport, tutto il resto è "sbagliato".
Sono stato sufficientemente chiaro?