Inaugurata la nuova casa famiglia 'Non Temere' di via Flaminia

07/05/2012 - Una nuova struttura per i minori con disagio sociale, handicap e privi di riferimenti familiari da 0 a 6 anni. La Casa famiglia “Non temere”, è stata inaugurata sabato pomeriggio. La struttura si trova in via Flaminia 1, n.26, adiacente la Cooperativa Sociale Roller House.

Al taglio del nastro erano presenti S.E. mons. Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona-Osimo, il sindaco Stefano Simoncini, gli assessori alla sanità Gilberta Giacchetti e all’ambiente Sandro Antonelli, il consigliere regionale Dino Latini, l’assessore ai servizi sociali di Castelfidardo Riccardo Memè, il presidente della BCC di Filottrano Luciano Saraceni e numerosi esponenti del mondo socio-assistenziale della Valmusone.

“È il coronamento di tutti gli sforzi fatti dalla famiglia di Angelo Marcantognini che con sua moglie Donatella Catena si è impegnato per anni nel raggiungimento di questo obiettivo. A loro deve andare il nostro ringraziamento – hanno sottolineato mons. Menichelli ed il primo cittadino di Osimo - perché la città da oggi potrà contare su un'importante struttura di sostegno ai minori in difficoltà”. “Oggi giorno si guarda troppo al pil e allo spread e poco invece a quei valori fondamentali come la solidarietà. Non è la ricchezza materiale che fa l’uomo, ma azioni come quelle promosse dalla famiglia Marcantognini che trova la serenità nell’aiutare il prossimo. Fino a non molto tempo fa – ha aggiunto l’arcivescovo - ci si accontentava di quel poco che si aveva, ora invece non è più così, si punta soltanto ad accumulare ed in questo modo si perdono di vista tutti quegli elementi che sono necessari per la propria crescita umana e spirituale”.

All'inaugurazione hanno partecipato decine di persone, molte delle quali hanno supportato in questi anni l'attività della Cooperativa Sociale Roller House e la realizzazione della stessa casa famiglia “Non temere”. La struttura, di circa 150 mq, è moderna e accogliente: con un’ampia zona soggiorno, una stanza per i bambini più piccoli con due culle, un’altra con tre lettini più le stanze per la famiglia Marcantognini ed i loro due figli.

Il progetto è frutto di anni di impegno da parte del capofamiglia che ha potuto contare sul sostegno di diversi attori: dal consigliere Latini al sindaco Simoncini, il Comune di Osimo per il progetto ha concesso un finanziamento di circa 15 mila euro, fino alla Banca di Credito Cooperativo di Filottrano che ha garantito credito agevolato attraverso il pacchetto Ethical Banking con cui viene raccolto risparmio a condizioni favorevoli in modo da finanziare (allo stesso tasso) esclusivamente progetti etici che investono nel campo del sociale.

In questa avventura la famiglia Marcantognini ha potuto contare sul forte sostegno di S.E. mons. Claudio Giuliodori, vescovo di Macerata, che nel pomeriggio ha celebrato al santa messa e dato il via al momento conviviale con l’esibizione dei gruppi musicali Gomma Gommas, degli Amici dello Zio Pecos e dei Poker. Quando una famiglia si allarga ulteriormente infatti è sempre un motivo di grande festa per tutta la comunità.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2012 alle 16:06 sul giornale del 08 maggio 2012 - 1826 letture

In questo articolo si parla di cronaca, osimo, Comune di Osimo, notizie osimo, casa famiglia non temere, roller house osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/yIB