Loreto: il Venerdì Santo con 'La Morte del Giusto'

mons. Tonucci alla Morte del Giusto, Loreto 2' di lettura 05/04/2012 - La Delegazione Pontificia e la Prelatura di Loreto sono liete di ricordare che venerdì 6 aprile 2012, alle ore 20.30, si rinnoverà per la 35.ma volta, “La morte del Giusto”, la Via Crucis promossa dalla parrocchia di San Flaviano di Villa Musone con la partecipazione di centinaia di figuranti e coinvolgente l’intera città di Loreto.

Fedele ai testi sacri ma realizzata in modo da essere rivissuta nella percezione che il surreale dramma, di allora, continua il suo perpetuarsi quotidiano nelle innumerevoli via crucis dell'umana sofferenza che soltanto attraverso Cristo trova la via della salvezza. L'idea iniziale, cui dà seguito ora il parroco p. Giovanni Berta, maturata dall’allora da p. Valentino Lanfranchi, era quella di mettere in scena la Passione e Morte di Cristo.

E' consuetudine, sin dalla prima edizione, dedicare "La Morte del Giusto" ai sofferenti, agli emarginati, a quanti hanno portato o portano la Croce di Cristo, è perciò che, da diversi anni, che è stato introdotto il "Calvario dell'umanità". Dopo la condanna del Cristo parte il corteo della Via Crucis e, dietro al Cristo che trascina la Croce, un gruppo di crociferi generici; inizia così il fiume del dolore con il Cristo che unisce alla sua Passione quella dell'umanità. Ogni singolo momento, naturalmente, viene sottolineato dall'intervento dello speaker e del coro. E' così che la Passione Vivente di Loreto, "La Morte del Giusto", sottolinea in maniera incisiva come non vuol essere semplice rappresentazione scenica ma una rievocazione che testimoni il "farsi presente, nel tempo e nello spazio, della Salvezza operata da Gesù con il sangue della Croce".

Tra le centinaia di volontari protagonisti della sacra rappresentazione quest’anno vi saranno due nuovi interpreti. Nei panni di Cristo ci sarà infatti Marco Marinelli, nato Recanati nel 1981, sposato, residente a Civitanova Marche, verniciatore in una carrozzeria ad Acquaviva di Castelfidardo. Dopo essere stato a lungo lontano dalla fede cristiana, nel 2006 Marco Marinelli ha iniziato il percorso di conversione all’interno del cammino neocatecumenale. L’altra novità riguarda la figura di Maria, la madre di Gesù. Dopo 34 anni di ininterrotta partecipazione in questa veste Elda Antonangeli lascerà infatti il posto ad Emanuela Magrini, insegnate di religione alla scuola media dell'Istituto Comprensivo di Loreto e da tempo catechista presso la parrocchia di Villa Musone.

Come da tradizione, i panni del Cireneo saranno vestiti dall’Arcivescovo Delegato Pontificio, Mons. Giovanni Tonucci, mentre la testimonianza ai piedi della Croce è affidata quest’anno alla scrittrice Rita Coruzzi, già a Loreto lo scorso marzo per ricevere la “Mimosa d’Oro”.


dalla Delegazione Pontificia di Loreto




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2012 alle 15:01 sul giornale del 06 aprile 2012 - 1178 letture

In questo articolo si parla di chiesa, cultura, loreto, Giovanni Tonucci, Delegazione Pontificia di Loreto, venerdì santo, la morte del giusto, notizie osimo, notizie loreto, la morte del giusto loreto, via crucis loreto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xqC





logoEV