Castelfidardo: il Corpo Forestale sequestra una rete per la cattura illegale di uccelli

1' di lettura 11/02/2012 - Le indagini erano scattate già nello scorso ottobre, quando gli uomini del Comando Provinciale del Corpo Forestale avevano notato una rete di nylon in un terreno agricolo in via Mirano Vittoria, nel fidardense.

Dimensioni e forma delle “maglie” avevano insospettito i Forestali, che hanno subito immaginato la funzione delle rete: catturare illecitamente uccelli, possibilmente vivi (la cosiddetta pratica dell’uccellagione). La rete è stata subito sequestrata e nello scorso dicembre è arrivata la denuncia contro ignoti da parte della Guardia Forestale.

Dalle indagini emerge che il terrenno appartiene ad una fondazione laica di Loreto, che aveva poi affittato il frutteto ad un 65enne del posto. Che non avrebbe però fornito informazioni utili per identificare il presunto bracconiere proprietario della rete. Il Corpo Forestale ha così deciso di esporre una denuncia contro ignoti.

Non avendo fornito adeguate spiegazioni” ha affermato il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Ancona,“si potrebbe ipotizzare a carico del conduttore del fondo agricolo un concorso nell’allestimento della rete per uccellagione e quindi nel reato, ma allo stato dei fatti tali valutazioni sono rimesse all’Autorità Giudiziaria”.








Questo è un articolo pubblicato il 11-02-2012 alle 13:20 sul giornale del 13 febbraio 2012 - 1916 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emanuele barletta, bracconaggio, notizie osimo, cronaca osimo, notizie castelfidardo, cronaca castelfidardo, cronaca marche, guardia forestale ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/u6Q





logoEV