Pugnaloni (PD): 'I lavoratori delle partecipate non devono più aspettare'

2' di lettura 29/10/2010 -

Il Pd da sempre vicino alla problematica della salvaguardia dei posti di lavoro e delle professionalità acquisite, da tempo richiede un confronto in Commissione Attività economiche per predisporre un “piano quadro” in attesa che a giorni esca l’ultimo decreto attuativo sulla razionalizzazione dei servizi pubblici locali.



Una cosa è certa. Per i 400 lavoratori delle società partecipate una soluzione va trovata. L’Amministrazione comunale deve assolutamente costruire una strategia per il futuro. Oggi è obbligo morale ed amministrativo trovare una soluzione momentanea per tamponare le perdite 2010. Come? Ci sono fondi in diversi capitoli di spesa, definiti all’Intervento per oneri straordinari di gestione che vanno di fatto sempre in avanzo di amministrazione, utilizziamoli subito. Queste situazioni di difficoltà durante l’esercizio finanziario, Osimo non se le può più permettere, deve esserci strategia preventiva e certezza degli obiettivi di un piano industriale almeno triennale. Il Pd da sempre vicino alla problematica della salvaguardia dei posti di lavoro e delle professionalità acquisite, da tempo richiede un confronto in Commissione Attività economiche per predisporre un “piano quadro” in attesa che a giorni esca l’ultimo decreto attuativo sulla razionalizzazione dei servizi pubblici locali.

Ad oggi è possibile un confronto sulle prime indicazioni date. Fatto salvo l’obbligo di una sola partecipata, nell’ultimo decreto dovranno essere disciplinati i casi di esclusione. Tra essi dovrebbe rientrare la gestione dei servizi privi di rilevanza economica ovvero con scopo meramente sociale. Da qui l’idea di aprire una discussione con tutte le forze politiche dove la base di partenza veda la Asso come gestore unico dei servizi essenziali, privi di rilevanza economica e all’Astea vengano trasferiti i servizi remunerativi. Passaggio che preveda il trasferimento di tutti i mezzi necessari, a partire dal personale esistente e le risorse che di anno in anno verranno inserite a bilancio, cercando per il futuro di limitare i costi di natura superflua.

SIMONE PUGNALONI Consigliere comunale PD

ï»VicePresidente Commissione Attività economiche






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2010 alle 00:10 sul giornale del 29 ottobre 2010 - 1060 letture

In questo articolo si parla di politica, simone pugnaloni, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dQj


Il discorso è molto giusto ed equilibrato!

Il problema nel ridurre le società è che si riducono anche le poltrone(la torta da spartire si riduce). Essendo Osimo basato sul "clientelismo"....





logoEV