Buccelli (GI): 'Futuro e Libertà è un partito, non una merce di scambio'

2' di lettura 28/10/2010 -

Restiamo interdetti su molte dichiarazioni che leggiamo nella maggioranza, come se la nostra presenza fosse per alcuni un appiglio per trattative personali ed utilitaristiche. Ribadiamo che nè il sottoscritto, nè altri del movimento Futuro e Libertà hanno mai asserito che rappresentanti della giunta osimana abbiano aderito al nostro movimento.



Siamo disponibili a confronti e sederci a tavoli politici, ma non siamo disposti ad essere usati come merce di scambio. Leggiamo troppo spesso ormai il nostro nome, sia sulle dichiarazioni dell’opposizione, dove effettivamente siamo entrati nel merito, chiedendo di essere rappresentati dal PDL in consiglio, che da parte della maggioranza. La certezza che Futuro e Libertà è ormai un partito è sotto gli occhi di tutti, e il 6 e 7 novembre a Perugia tutto avrà conferma con la presentazione del manifesto politico.

Restiamo però interdetti su molte dichiarazioni che leggiamo nella maggioranza, come se la nostra presenza fosse per alcuni un appiglio per trattative personali ed utilitaristiche. Ribadiamo che nè il sottoscritto, nè altri del movimento Futuro e Libertà hanno mai asserito che rappresentanti della giunta osimana abbiano aderito al nostro movimento. Se casomai dovesse esserci una convergenza politica ci confronteremo con il Sindaco e se dovessimo decidere lo decideremmo con il Sindaco.

Non possiamo negare di essere stati contattati per conoscere i nostri progetti futuri, come è logico e lecito che sia in un paese democratico e plurale, ma mai abbiamo chiamato nessuno. Questo per ribadire che Futuro e Libertà si porrà, come è logico, nel dibattito politico ma per costruire e non per contrattare, nè per essere moneta di scambio. Laddove fosse possibile, saremo disposti a dare il nostro apporto umano, progettuale ed ideologico, ma non pigoleremo nè sotto le porte del palazzo comunale nè altrove.

Mai abbiamo corteggiato nessuno e dal 6 e 7 novembre cominceremo il nostro percorso politico, organizzando gli appuntamenti elettorali a noi più prossimi come le elezioni provinciali. Avremo tutto il tempo poi per definire la situazione politica locale, che non necessariamente dovrà passare attraverso trattative che tuttora sono in essere, nelle quali è speso il nostro nome e con le quali noi non abbiamo nulla a che fare. Siamo aperti a chi crede in questo progetto e assolutamente no a chi lo vorrebbe strumentalizzare per trovare in momenti migliori un rifugio politico, cosa che non fa assolutamente parte delle nostre intenzioni concedere.

A buon intenditor poche parole.


da Alessandro Buccelli
coordinatore Generazione Italia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2010 alle 16:27 sul giornale del 29 ottobre 2010 - 1582 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, alessandro buccelli, generazione italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dPc


Il partito si forma, si fanno programmi, poi ci si presenta al giudizio degli elettori, forse per quelli di FLI / GI è un dettaglio?
Ma una previsione su i voti di fli si può azzardare, saranno pochini... forse per questo Fini e Bocchino hanno terrore del voto, tentando di rimangiarsi il lodo.

mi dispiace ma non la capisco...voi non siete merce di scambio ma chiedete a Pirani e Secchiaroli di rappresentervi in consiglio comunale?Allora chi è la "merce di scambio?"