Alessandrini (PDL): 'Pdl unito senza Secchiaroli e Pirani'

popolo della liberta 1' di lettura 24/10/2010 -

L'amicizia di Latini con Luciano Secchiaroli e Damiano Pirani è nota tutti: il primo è stato per anni il suo braccio destro e sinistro all’ASTEA e alla GEOS, mentre il secondo ha cercato di candidarsi con le Su La Testa.



Concordo pienamente su quanto affermato dal Consigliere Regionale Dino Latini che da persona arguta ancora una volta ha visto lontano, infatti, la sua amicizia con Luciano Secchiaroli e Damiano Pirani è nota tutti: il primo è stato per anni il suo braccio destro e sinistro all’ASTEA e alla GEOS, mentre il secondo ha cercato di candidarsi con le Su La Testa (senza riuscirci per motivi che oggi non dirò). Capisco l’invito di rimanere nel Pdl perché la loro presenza lo rende diviso, mentre la loro assenza lo rende unito. Del resto, che loro facessero parte di una forza di opposizione fino ad ora nessuno se ne era accorto...oggi le cose sono più chiare. Certo, sono stati troppo frettolosi, sarebbero stati più utili dentro, come “agenti segreti”, che fuori, ma qualcun altro l’ha mal consigliati: peccato! Comunque sia, che rientrino o meno, attualmente non riveste più nessuna importanza, del partito, “loro sponte” non ne fanno più parte, o meglio, non ne hanno mai fatto parte.

Alessandro Alessandrini (Pdl)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-10-2010 alle 14:04 sul giornale del 25 ottobre 2010 - 1854 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, pdl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dEJ


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

damiano pirani

la tua fantasia non ha limiti, ma serve a ben poco. Il tuo chiaro tentativo di spaccare il partito, questo dovresti spiegare piu' che sapere, con presunzione, i motivi della mia candidatura.
La continuita' e veemenza dei vs "attacchi" ha creato un danno sicuro all'immagine del partito e di questo Ve ne assumete la responsabilita'. Sprecare energie in questioni che assumono carattere personale non giovano al bene del partito e della citta'. Io continuero' nel mandato che con fiducia mi hanno accordato gli elettori e canalizzero' le mie energie in questo.
Damiano Pirani - Capogruppo PDL.

Spero che queste domande possano risultare comprensibili in quanto, dalle loro risposte, scaturisce la conferma di quanto “anomalo” sia il PdL di Osimo.
1.A che titolo* (ruolo ricoperto nell’organigramma del PdL osimano) parlano Giuliodori ed Alessandrini e con quali poteri invocano l’esclusione di Secchiaroli e Pirani? Sono forse commissari comunali o provinciali?
2.Nell’aprile del 2005, Secchiaroli, candidato nelle liste di Forza Italia, risultò il primo dei non eletti al consiglio della regione Marche; nel giugno del 2009 il PdL di Osimo scelse lo stesso Secchiaroli come candidato a sindaco riportando 3.073 preferenze; appena quattro mesi fà il PdL di Osimo candidò il dott. Secchiaroli per la seconda volta alle elezioni regionali riimarcando la figura di colonna portante del locale PdL, ed oggi venite a raccontarci che questi non ha mai rappresentato il PdL? – Siamo su schersi a parte?
3.Vi siete mai chiesti perché oggi non c’è più nessuno degli oltre 150 iscritti al Club Forza Italia degli anni 95? Hanno tutti cambiato pensiero o “qualcuno” gli ha fatto capire che non erano graditi in un movimento che ha sempre più l’aspetto e la sostanza di un piccolo circolo privato?
4.In quale partito accade che i propri autorevoli rappresentanti, forti del consenso popolare (3.073 voti Secchiaroli e 161 preferenze per Pirani) vengano allontanati da un commissario che non si è candato alle comunali o alle regionali, da un candidato a sindaco di una lista alternativa al PdL (291 voti) e dall’unico candidato del Pdl con 97 preferenze che guarda caso il primo dei non eletti?
Pier Luigi Agostinelli

Sei tu che ti sei iscritto a Generazione Italia.
Anzi dimmi che cosa hai fatto per il Pdl da sei mesi a questa parte? Nessuno lo sa!
L'uniche cose che ricordo è una interrogazione su una quercia e scrivere un paio di volte contro il partito: Complimenti!
Comunque sia come dicevo che tu sia dentro o fuori non riveste più nessuna importanza!
Alessandro Alessandrini

Carissimo Pierluigi,
credo che Pirani e Secchiaroli ti pagheranno sicuramente un caffè per la tua difesa d'ufficio.
Il sottoscritto non ha nessun incarico nel Pdl, parlo e scrivo perché, come libero cittadino, posso farlo, come del resto stai facendo tu. Nessuno ha cacciato nè Pirani nè Secchiaroli, se ne sono andati da soli. Successivamente ci hanno ripensato? Sarà vero?
Posso esprimere un mio giudizio? Devo chiedere il permesso a qualcuno? Forse a Pierluigi Agostinelli?
Se volessi fare polemica con te avrei materiale a sufficienza, ma non cadrò nella trappola di spostare il tiro. Oggi il problema è un altro, anzi era un altro e pertanto, non riveste più nessuna importanza.
Alessandro Alessandrini

Caro Alessandro ("issimo" è troppo), io parlo da uomo libero e mi firmo Pier Luigi Agostinelli mentre il tuo intervento è firmato PdL ed accompagnato dal logo il che significa che stai parlando da uomo di partito.
Chiarito questo e prendendo per buona la tua risposta alla domanda numero 1, attendo che qualcuno risponda alle domande n. 2, 3 e 4.
Forse mi è sfuggito qualche cosa, ma non mi risulta che Secchiaroli o Pirani abbiano deciso di abbandonare il PdL, mentre ho letto che il commissario osimano ne ha chiesto l'estromissione. Curioso che qualche anno fà in una polemica tra il coordinamento comunale di F.I., regolarmente eletto in assemblea, e l'allora consigliere comunale Strologo (attuale preposto commissario), intervenne il commissario provinciale minacciando il deferimento dal partito di tutto il coordinamento; elogiando il consigliere comunale da poco passato dalla "Lista Latini - Forza Osimo a Forza Italia. Oggi lo stesso prsonaggio vuole estromettere i dui candidati più votati del PdL; ed il commissario privinciale che fa? Ovvio, lo appoggia di nuovo a ruoli invertiti.
Pier Luigi Agostinelli

Carissimo Pierluigi (sono molto più affabile di te ed evito di fare sottolineature poco cortesi, ma ognuno è quello che è). Magari ti scoccerà ma sono iscritto al Pdl e magari qualche anima pia mi ha dato la sua fiducia, per questo parlo e scrivo da uomo libero e di partito che per me coincide!
Puoi anche "smenarla" all'infinito se sia nato prima l'uovo o la gallina, puoi dire tutto ciò che credi sia su di me che su Strologo, ma ti ripeto non cado nella trappola delle polemiche. Potrei parlare della Parko, come tu parli di cose passate, ma a quale scopo? Con tutto rispetto, che ha te non risulti questo o quello a me francamente non interessa punto. Secchiaroli e Pirani faranno quello che più loro aggrada ma per me, ripeto che siano dentro o fuori non riveste più nessunissima importanza.
Alessandro Alessandrini




logoEV