Liberi e Forti-Forza Osimo: Siamo una grande forza politica, altro che 'fantomatici'

3' di lettura 22/10/2010 -

Il nostro gruppo annovera al suo interno due assessori, due consiglieri comunali, diversi membri dei CdA delle società partecipate ma, sopratutto, ha ottenuto la fiducia di ben 1.051 osimani alle scorse elezioni amministrative, piazzandosi seconda tra tutte le liste civiche (preceduta solo dalla lista amica di Su La Testa.
 



In un articolo pubblicato dalle testate Vivere Osimo e Corriere Adriatico il coordinatore del Pdl osimano, sig. Strologo, ha definito il nostro gruppo “la fantomatica Lista Civica Liberi e Forti”. Sinceramente non capiamo da cosa possa derivare l'aggettivo “fantomatica”: è bene ricordare al coordinatore di questo partito di opposizione che il nostro gruppo annovera al suo interno due assessori, due consiglieri comunali, diversi membri dei CdA delle società partecipate ma, sopratutto, ha ottenuto la fiducia di ben 1.051 osimani alle scorse elezioni amministrative, piazzandosi seconda tra tutte le liste civiche (preceduta solo dalla lista amica di Su La Testa). Perché saremmo fantomatici? Il nostro impegno politico è chiaro ed è stato ribadito a tutti i cittadini in questi giorni; il Pdl osimano le chiama “critiche a spron battuto”? Niente di più falso. Mai una parola è stata infatti spesa per criticare il Sindaco Simoncini e gli amici delle Liste Civiche.

Rilegga il sig. Strologo i nostri comunicati stampa e si accorgerà sicuramente che contengono solo idee volte a risolvere problemi. Forse il coordinatore Strologo è abituato a situazioni in cui uno propone e tutti gli altri chinano il capo?La nostra amministrazione comunale non agisce così. I progetti e le idee vengono da più parti ed è proprio questa la forza delle Liste Civiche. L' abbiamo sempre fatto e continueremo a farlo perché siamo liberi da condizionamenti di qualsiasi genere. Liberi di esprimere il nostro pensiero. Liberi di proporre i nostri progetti e di discuterli tutti insieme. Noi non subiamo passivamente le decisioni che strutture politiche sovra comunali ci impongono da Roma o da Ancona. Noi dobbiamo rispondere solo ai nostri elettori e non a dirigenti di partito. Il nostro movimento è fucina delle proprie idee e non mera cassa di risonanza di pensieri imposti da altri agli osimani. Noi siamo Osimo che decide per Osimo. E qualora dovessimo ricevere critiche per le nostre idee, le accetteremo di buon grado perché le critiche sono alla base di un sano confronto politico. Quello che non accettiamo è l'insulto fine a se stesso. Siamo reali. Di più, siamo vivi e presenti politicamente. Fantomatico significa immaginario, irreale.

Forse Strologo voleva riferirsi al gruppo consiliare del Pdl che, alla luce delle dichiarazioni rese dal coordinamento osimano, ad oggi non esiste più? Il sig. Strologo pensi a dare risposte alle esigenze dei cittadini (magari cominciando a risolvere i problemi che attanagliano il suo partito) piuttosto che perder tempo a criticare gli altri soggetti politici. Cambiando, magari, anche atteggiamento visto che la politica dell'insulto ad ogni costo e della critica sconsiderata all'avversario per nascondere una carenza di idee e di valori oggi non regge più. Ciò è provato dal fatto che alle scorse elezioni amministrative il Pdl osimano ha ottenuto una percentuale di voti di molto inferiore a quella ottenuta dallo stesso partito a livello nazionale. Ed anche, ovviamente, dal fatto che chi li rappresenta in Consiglio comunale, non si riconosce più nel direttivo comunale. Infine un'ultima considerazione: noi non siamo Liberi e Forti. Siamo Liberi e Forti-Forza Osimo.

Liberi e Forti-Forza Osimo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2010 alle 23:34 sul giornale del 23 ottobre 2010 - 1574 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, Liberi e Forti-Forza Osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dDv


Mi permetto, cortesemente, di rilevare che la risposta a Strologo è stata esageratamente livorosa e sproporzionata. Il "fantomatico" non voleva certamente risultare un'offesa. Era un modo elegante per significare che la vostra permanenza in maggioranza non dipende solamente da voi. Mi spiego meglio: se domani Latini decide di sostituirvi ha già pronti i sostituti, Secchiaroli e Pirani