PDL: Simoncini nega il Castagna Day, il vicesindaco Pirani lo sostiene

1' di lettura 19/10/2010 -

Il Popolo della Libertà di Osimo continuerà a schierarsi a fianco di tutte quelle persone, associazioni e comitati, vittime dei soprusi, delle angherie e delle ingiustizie che, quotidianamente, compiono Simoncini ed i pochi che ancora gli sono fedeli, nella piena convinzione che, dopo aver ingiustamente ed ingiustificatamente negato alla Società Operaia la Festa della Castagna in centro, questa Amministrazione non riuscirà più a togliere le castagne dal fuoco.



Latini (Api) prende le distanze da Simoncini, la fantomatica Lista Civica “Liberi e Forti” critica a spron battuto l’attuale Amministrazione ed il VICE SINDACO FRANCESCO PIRANI, SEMPRE PIU’ VICINO ALLE POSIZIONI DEL SUO OMONIMO DAMIANO PIRANI (GENERAZIONE ITALIA DI FINI), sostiene la festa del Castagna Day in centro, dimostrando che anche ex esponenti (ormai tali sono!) delle Liste Civiche possono – se vogliono - esprimersi in piena libertà di coscienza. Il Popolo della Libertà di Osimo continuerà a schierarsi a fianco di tutte quelle persone, associazioni e comitati, vittime dei soprusi, delle angherie e delle ingiustizie che, quotidianamente, compiono Simoncini ed i pochi che ancora gli sono fedeli, nella piena convinzione che, dopo aver ingiustamente ed ingiustificatamente negato alla Società Operaia la Festa della Castagna in centro, questa Amministrazione non riuscirà più a togliere le castagne dal fuoco!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2010 alle 16:37 sul giornale del 20 ottobre 2010 - 2122 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, pdl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dso


Aoh!, pe' daeru stade attenti a nun scuttavve nisciù cu 'se castagne sul fogu, me raccumannu.

La verità non sta da nessuna parte, chi parla(tropo e a spropsito) e chi scrive senza saperla non può lanciare sassi negli stagni senza acqua.
Non sono questi i temi che possono risolvere le problematiche cittadine, come non sono neanche i mrecati sabatini che servono alla città. La scelta del mercato del sabato è vantaggiosa per pochi, i quali niente hanno dato alla città ma hanno solo preso, non solo, diamo vantaggi a chi non è osimano e non crea momenti occupazionali.Guardate il giovedi, pochi rilasciano lo scontrino fiscale, fateci caso. Noi siamo conniventi perchè non lo pretendiamo. Dobbiamo aiutare chi ci fa pagare puù tasse perchè loro non le pagano? (potei continuare..)La festa della castagna aveva solo bisogno di un mediatore che facesse in modo che le parti si incontrasero scevre da ogni pregiudizio politico e che tenesse conto delle altre occasioni che alcune sinergie simili e complementari avrebbero portato alla manifestazione come si vociferava da tempo. Il veleno della politica è sempre presente negli anelli dei nostri presonaggi pubblici che lo usano con spregiudicatezza come se la città, fosse loro proprietà esclusiva. Dimenticano che la città E' nostra!! Non è così che la si amministra.