Siamo con Pellegrini per continuare la politica di successo del PD

2' di lettura 14/10/2010 -

Domenica 17 ottobre 2010 si svolgerà, presso la sede del Pd di Osimo, il Congresso del Partito Democratico nel quale gli iscritti del PD sono chiamati ad eleggere il direttivo del Circolo ed il nuovo Segretario: noi siamo per Mauro Pellegrini.
 



Domenica 17 ottobre 2010 si svolgerà, presso la sede del Pd di Osimo, il Congresso del Partito Democratico nel quale gli iscritti PD sono chiamati ad eleggere il direttivo del Circolo ed il nuovo Segretario: noi siamo per Mauro Pellegrini.

Come ben sai, il Congresso rappresenta un passaggio politico fondamentale per costruire un partito autorevole, unito e credibile: un partito in cui gli iscritti, le donne e i giovani siano protagonisti; un partito che sappia farsi interprete delle esigenze di crescita del nostro territorio e sia in grado di raccogliere le istanze dei cittadini dalle quali trarre slancio per una concreta progettualità.

Ad Osimo, il Partito Democratico dal momento della sua costituzione ha occupato un posto di rilievo nel dibattito politico; ha avvicinato e motivato alla politica tante persone nuove; ha saputo coniugare il nuovo entusiasmo con l’esperienza di chi da tempo si è dedicato alla politica con costante impegno; ha saputo far crescere una classe dirigente preparata; alle ultime elezioni politiche del 2008 ha ottenuto il 41% dei consensi, e alle ultime elezioni regionali di marzo, superando anche le liste civiche, si è affermato come primo partito della città. Tutto questo è stato ottenuto grazie all’appassionato lavoro di tanti che, insieme al coordinatore, hanno voluto investire le loro energie in un comune progetto politico.

Si tratta ora di ripartire da questi risultati per proseguire e lavorare, nella continuità degli obiettivi e nel rinnovamento delle persone, per la costruzione di un partito più forte e più radicato. Pur consapevoli e fieri del fatto che numerosi e valorosi giovani in questi anni hanno scelto di impegnarsi nel nostro partito, pensiamo che la persona che possa al momento interpretare al meglio il ruolo di Segretario del PD sia quella di Mauro Pellegrini: per la solida esperienza politica maturata anche come consigliere comunale; per la sobrietà e lo spiccato senso di equilibrio richiesto in un partito con diverse sensibilità come il nostro; infine per la sua generosità nel mettersi a servizio del partito e lavorare per gli altri.

Romeo Antonelli

Paola Andreoni

Daniele Bernardini

Graziano Piergiacomi


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2010 alle 14:41 sul giornale del 15 ottobre 2010 - 2955 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, partito democratico, paola andreoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/dhK


Escludendo i numeri che non dicono niente,quali sarebbero i successi "veri" che ha ottenuto il Pd ad Osimo?Dato che parlate al plurale,ripeto,escludendo le fredde statistiche, elencate due successi ottenuti ad Osimo a beneficio dei cittadini,grazie!

Mi sono dimenticato un'altra domanda,vedendo le firme del comunicato,vorrei sapere da che parte è schierato il sig.Simone Pugnaloni,con Pellegrini o con Severini?Sarebbe gradita una risposta,grazie.

assodicuori

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Premessa: checché se ne dica, io ho titolo e diritto a parlare del PD perché sono stato un elettore alle primarie per la scelta del segretario nazionale, carta canta. Detto questo, mi balza subito all’occhio la firma di Romeo Antonelli in calce a questo comunicato. Romeo Antonelli, all’epoca delle primarie di cui sopra, decise di non dare alcuna indicazione agli elettori circa la scelta del segretario nazionale, mentre ora si schiera apertamente a favore di un candidato, cioè Pellegrini. Perché? Caro Romeo, sarebbe cosa buona e giusta se tu finalmente ti decidessi a rispondere alle domande che ti vengono fatte, dopo tutto tu sei il coordinatore uscente del partito, mica il barista della Casa del Popolo!
Nel comunicato di cui sopra leggo passi del tipo ’’ un partito in cui gli iscritti, le donne e i giovani siano protagonisti; un partito che sappia farsi interprete delle esigenze di crescita del nostro territorio e sia in grado di raccogliere le istanze dei cittadini dalle quali trarre slancio per una concreta progettualità‘’. Sapete che vi dico? Mi pare di leggere i comunicati al bromuro delle Liste Civiche, così democristianamente vaghi, fatti apposta per non turbare certi equilibri che regnano sovrani nella nostra città, quindi inutili alla causa di un riscatto civile e morale della città stessa. Sarebbe questa l’alternativa all’attuale governo cittadino? Se il buongiorno si vede dal mattino…..
Poi leggo il passo ’’ alle ultime elezioni politiche del 2008 ha ottenuto il 41% dei consensi, e alle ultime elezioni regionali di marzo, superando anche le liste civiche, si è affermato come primo partito della città’’. Tradotto in parole più semplici, il PD osimano ha fallito in entrambi gli appuntamenti elettorali, nel primo perché non è riuscito ad esprimere il sindaco, nel secondo perché non è riuscito ad esprimere il consigliere regionale. Il buon senso avrebbe voluto che il coordinatore comunale del partito avesse rassegnato le dimissioni già dopo la prima sconfitta alle comunali, dopo tutto il coordinatore è colui che decide la linea politica da seguire, e se questa non risulta vincente, colui che l’ha messa in pratica ne prende atto e passa il testimone. Invece niente, si è perseverato con la stessa linea politica anche alle regionali. Risultato? Paola Andreoni non è stata eletta consigliere regionale. Ora siamo al terzo appuntamento elettorale, benché questo sia tutto interno al partito. Se anche questo dovesse risultare sfavorevole all’area del coordinatore uscente, credo che il cambiamento all’interno del PD si estenderebbe anche all’intera città.

Critiche legittime. Il PD deve migliorare senza se e senza ma a prescindere da chi sarà il segretario. E sarà comunque un'ottimo segretario perchè i candidati sono entrambi di alto livello. Detto questo ricordo che il PD dà la possibilità ai suoi iscritti, e quindi a coloro che scelgono di impegnarsi concretamente nel partito, di scegliersi in autonomia il segretario. Nel futuro ci attendiamo tante tessere da chi ha idee per farci migliorare ancora di più o per farci diventare un partito vincente. Le idee vedo che non mancano, bene così, perchè in italia va molto di moda fare come i pensionati che vanno nei cantieri a vedere gli operai che lavorano e, con le mani dietro la schiena, criticano quel lavoro. Aspettiamo un contributo attivo da tutti coloro che possono fare in modo di farci migliorare in quei temi dove ancora, per nostra colpa, abbiamo delle carenze.

"Oh!, ad Antonelli nun ce lu vole più nisciù, gliè volene tutti le dimissiò; po' dobu lu mannene via da tutte le parti, dal partido al Buttari ........, chissà gion casa.
Adè cuscì, vistu le malesorti pulidighe che si è creatu, se tante le 'olte vulesse urganizzà 'na merenna pulidiga cu la lonza, 'l furmaggio e la fava giò dal Baffo, se la dèe pagà da per lù per daeru, nun lu dirà solu pe' cumpiacesse e apparentemente sagrifigasse di fronte a tutti."

Allora caro Giorgio a me hanno insegnato, a casa ed a scuola, a crescere ascoltando soprattutto le critiche, perché gli elogi è vero che fanno piacere e danno morale, ma le critiche fanno diventare uomini veri, con due p.lle così!!! A proposito di cantieri, tu Giorgio ti senti più operaio o pensionato?




logoEV