Bianchetti: 'Non si può accusare i Comitati di istigare alla violenza'

4' di lettura 12/10/2010 -

La salute dei cittadini non è «un interesse privato di pochi», ma riguarda l'intera collettività. Siete invece voi che cercate di soddisfare le esigenze di qualche cittadino-elettore contrapponendo l'interesse individuale all'interesse dell'intera collettivita di Osimo, incluse le minoranze.



Avevo deciso che non avrei più perso tempo a rispondere alle provocazioni dell’Amministrazione Simoncini-Latini, alle sue innumerevoli prepotenze e bugie, indegne ormai di qualsiasi replica. Ma l'ultimo attacco ai comitati, apparso il 5 ottobre, che ci accusa «di creare tensione e di fomentare il ricorso alla violenza, utilizzando l'insulto come strumento politico, come negli anni di piombo» a questo, personalmente, devo rispondere.

La nascita di così tanti comitati a Osimo, è il sintomo di un malessere ormai profondo nei cittadini, che vedono le loro istanze tradite, i loro diritti calpestati, mentre molte, troppe scelte operate unilateralmente dall’Amministrazione da undici anni a questa parte, hanno portato sfiducia nella istituzione Comune. Vogliamo ricordare il mega-canile, il bitumificio, le centrali a biomasse? Affermare che queste «...sono battaglie pretestuose, mosse da interessi prettamente privati o interessi politici» è una cosa vergognosa! Cari signori i fumi che dal bitumificio di Passatempo si alzano tutti i giorni invadendo con il cattivo odore tutta la vallata - e che voi fate finta di non vedere e non sentire – sono una realtà, non un pretesto.

La salute dei cittadini non è «un interesse privato di pochi», ma riguarda l'intera collettività. Siete invece voi che cercate di soddisfare le esigenze di qualche cittadino-elettore contrapponendo l'interesse individuale all'interesse dell'intera collettivita di Osimo, incluse le minoranze. Ribadisco che amministrare la cosa pubblica non è un affare privato, ma per lavorare insieme, come da voi proposto, ci vuole una profonda fiducia, rispetto e stima da parte di entrambi: pensate che tra noi e voi esista un simile rapporto? Le lobby politico-giudiziarie, con l'eccezione di qualche giudice coraggioso, non lasciano molte speranze ai semplici cittadini e minoranze, di far valere i propri diritti, ma sono fiduciosa che tutto questo un giorno cambierà, l'importante è non arrendersi alle prepotenze e ai ricatti dei potenti.

A luglio le "liste civiche", ovvero Latini, mi accusavano di voler fare carriera politica, e di volermi altresì «far sistemare una strada privata e non di proprietà pubblica». La stradina in questione è quella che congiunge via Fontanelle al mega-canile ma, anche se fate sempre finta di dimenticarlo, una legge nazionale in materia di urbanistica prevede che al momento dell'autorizzazione all'opera, il privato garantisca che l'accesso sia idoneo, con l'obbligo di adeguare la strada al traffico relativo. Non mi pare che l'allora vicesindaco-geometra Simoncini, nonchè progettista di megacanile, avesse controllato se Bordi avesse o meno ottemperato a questo obbligo, eppure ricordo perfettamente il geometra Simoncini venire in loco per le misurazioni; quindi ben consapevole delle condizioni della stradina e delle sue ridotte dimensioni, inadatta a supportare un traffico così come descritto nella relazione del progetto presentato in Comune.

La vostra politica è principalmente basata sulle rappresaglie, sull'arroganza, sullo scambio meschino, sulle minacce neanche velate a chi non la pensa come voi: «O stai con me o sei contro di me». Basti vedere le recenti rappresaglie nei confronti dei soci di OsimoAmbiente, colpevoli di essersi lamentati e di pretendere quanto loro promesso, quindi non più idonei a gestire la Casa degli Ailanti. Una vera e propria rappresaglia verso tutte quelle persone, che da anni dedicano tempo, energie e denaro al fiume, all'ambiente. Che, vi ricordo, appartiene anche a tutti, anche a chi non fa nulla per salvaguardarlo e poi gode i frutti dell’impegno altrui. È bello fare le scampagnate o i pic-nic lungo il Musone e trovare l’ambiente pulito e ben curato... specie se a far fatica sono i «sediziosi ambientalisti».

Per quanto concerne la carriera politica, beh, se proprio volessi farla, la farei in una formazione pseudopolitica come la vostra...la carriera sarebbe assicurata !. Ma la politica, almeno per me, rimane ancora una cosa seria, non mero clientelismo e corse affannose alla poltrona.......... chiunque la offra ! Voglio anche fare i miei "complimenti" ai nostri amministratori per la nuova strada fascista.......a quando una strada dedicata ad Adolfo...?

Nerina Bianchetti






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2010 alle 19:19 sul giornale del 13 ottobre 2010 - 793 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, nerina bianchetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ddo





logoEV