'Io sto con la Fiom', venerdì alla sala Astea convegno PRC

2' di lettura 07/10/2010 -

Al dibattito, introdotto dal segretario Roberto Lampa, interverranno Giuseppe Ciarrcocchi, segretario regionale della Fiom, e Maurizio Quercetti, assessore provinciale al Lavoro della Provincia di Ancona. Previsti anche molti interventi da parte di esponenti di associazioni e dei comitati dei precari della scuola.



“Io sto con la Fiom”, venerdì alla sala Astea convegno per la manifestazione del 16 ottobre Unificare tutte le lotte che parlano la stessa lingua, fatta di parole come democrazia, diritti e lotta al neoliberismo. Questo l’obiettivo della manifestazione promossa dalla Fiom che si svolgerà il prossimo 16 ottobre a Roma. Manifestazione di cui Rifondazione Comunista e la Federazione della Sinistra sono stati i primi aderenti. In preparazione a questo appuntamento, il circolo osimano del Prc organizza per venerdì 8 ottobre il convegno “Io sto con la Fiom” che si terrà alla sala Astea in via Guazzatore (inizio ore 21,15). Al dibattito, introdotto dal segretario Roberto Lampa, interverranno Giuseppe Ciarrcocchi, segretario regionale della Fiom, e Maurizio Quercetti, assessore provinciale al Lavoro della Provincia di Ancona. Previsti anche molti interventi da parte di esponenti di associazioni e dei comitati dei precari della scuola. Il governo Berlusconi – spiega Lampa - con la scusa del debito pubblico sta tagliando retribuzioni, servizi, istruzione e sanità, privatizzando tutto ciò che resta del pubblico e togliendo diritti ai lavoratori. Ma la verità è che questi tagli non servono a creare crescita e occupazione, ma soltanto ripianare l’enorme ammontare di risorse utilizzata per il salvataggio del sistema finanziario, che torna anche in Italia a distribuire lauti dividendi e retribuzioni stratosferiche ai propri dirigenti”. “Unificare le battaglie per il lavoro, l’acqua, l’ambiente, la scuola – afferma Lampa – è l’unica via per uscire da un sistema che ha deciso di far pagare la crisi del capitalismo ai lavoratori e alle fasce più deboli della popolazione. Per questo, la manifestazione del 16 ottobre diventa centrale per costruire la vera alternativa sociale e politica, capace di superare le pavide mediazioni e le gravi complicità con il governo del Pd e dell’Idv: alla luce della drammatica situazione economica, non basta più dichiararsi contro Berlusconi, ma bisogna iniziare a dirsi forte e chiaro contro Berlusconi, la Confindustria e la cricca dei banchieri”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2010 alle 17:16 sul giornale del 08 ottobre 2010 - 705 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, prc

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/c2g


IO NO

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV