Comitato Difesa Territorio: 'Noi diamo voce ai problemi della gente'

8' di lettura 07/10/2010 -

'Liberi e forti- forza osimo', lista di governo della Città, dovrebbero capire la vitalità e l’importanza della critica che i comuni cittadini, senza altri scopi se non quelli di un autentico attaccamento al proprio territorio, muovono all’Amministrazione comunale nella consapevolezza del vuoto politico dei partiti di opposizione.



Non crediamo sia necessario rispondere al delirante accostamento fatto dal “movimento-civico” Liberi e Forti- Forza Osimo, secondo il quale il dissenso pacifico viene accumunato alle follie criminali che nel passato hanno funestato la nostra Repubblica. Coloro che si autodefiniscono “ liberi e forti- forza osimo”, lista di governo della Città, dovrebbero capire la vitalità e l’importanza della critica che i comuni cittadini, senza altri scopi se non quelli di un autentico attaccamento al proprio territorio, muovono all’Amministrazione comunale nella consapevolezza del vuoto politico dei partiti di opposizione.. Semmai i liberi e forti – forza osimo, dovrebbero riportare integralmente, a proposito delle nostre critiche, quanto il PM dott. Gubinelli ha scritto in conclusione dell’indagine sull’attività urbanistica svolta negli ultimi anni.

Non lo fanno loro, intendiamo farlo noi: Nelle premesse il Dott. Gubinelli scrive “…..Non vi è dubbio, in altre parole, che l’Amministrazione comunale di Osimo abbia in plurime occasioni operato al limite di legge ( a volte anche oltre, come si vedrà), e con evidenti finalità a favorire, ove possibile, l’edificazione e l’installazione di impianti a volte a scapito dell’ambiente e della qualità complessiva del territorio ( una tendenza che in seguito definiremo favor aedificandi)….” Inoltre il Dott.Gubinelli a proposito dell’impianto di Passatempo di Osimo scrive: “…..ma quella operata da sette Consiglieri comunali, su proposta del Sindaco LATINI allo scopo evidente di superare le perplessità tecniche sollevate dall’ing. FRONTALONI in ordine alla vigenza delle norme di salvaguardia in caso di mutamento del PRG risulta realmente marchiana” ….. inoltre ….. “l’emendamento del Sindaco LATINI, peraltro, appare caratterizzato di per sé da palese illegalità oltre che illegittimità, specie se si tiene conto del fatto che esso proviene da un tecnico del diritto….”ed in conclusione “….La condotta illecita del LATINI va puntualizzata cronologicamente al novembre 2005. A seguito del termine prescrizionale al momento vigente ed applicabile ex art.2 c.p.p. in quanto più favorevole, pari a cinque anni, tale condotta risulterebbe inesorabilmente prossima alla prescrizione ex art. 157c.p. si che non appare neppure ipotizzabile prevedere la conclusione di un ipotetico processo nei termini di sopravvivenza dell’eventuale reato…..”

Nel capitolo VARIANTI al P.R.G. il PM scrive: “..Le problematiche in oggetto sono state oggetto di approfondito esame da parte del C.T.. Le sue conclusioni appaiono del tutto in linea con le premesse in precedenza indicate: l’Amministrazione LATINI si è mossa sulla base di linee interpretative degli atti di programmazione territoriale ai limiti di legge, a volte al di là dei limiti e comunque finalizzate alla cementificazione del territorio. Passatempo : ….il piano attuativo ATS 23 Passatempo appare in contrasto con le linee di indirizzo del P.T.C.P. ……. l’atto impugnabile, semmai di fronte alle autorità amministrative. Montoro: ……una procedura posta in essere dal Comune per certi versi “surreale”…l’osservazione al PEEP formulata da tale MARINELLI, che avrebbe finito in realtà per avvantaggiare il suo vicino Assessore Avv. ALESSANDRINI, il cui terreno sarebbe stato stralciato dal PEEP stesso. Al di là del possibile inquadramento giuridico della fattispecie (assolutamente non scontato sul piano penale, giacché l’Assessore non risulta aver avuto alcun ruolo formale nelle decisioni del Consiglio, come richiesto dall’art. 323 c.p.) sta di fatto che entrambi i MARINELLI, sentiti a s.i. e quindi con tutti gli obblighi del caso, hanno escluso di essere stati strumenti dell’Avv. ALESSANDRINI. Si può ragionevolmente dubitare di ciò, ma in effetti Armando MARINELLI fornisce una spiegazione dello strano accadimento, evidenziando un interesse personale che non può dirsi a priori, e in assenza di ulteriori elementi, sfornita di logica.

Ex Consorzio agrario : …..la procedura si è poi adeguata alle osservazioni della Provincia. San Biagio – Proprietà GROTTINI – PAGLIARECCI : La delibera è stata giudicata illegittima. Tuttavia, a seguito delle osservazioni della Provincia, il Comune ha archiviato la pratica. Campocavallo – Proprietà CASAVECCHIA- GIGLIO+altri : La procedura seguita, ancora una volta finalizzata a consentire l’edificazione in zona di difficile giustificazione, appare secondo il C.T. distorta, ma non illegittima, e sostanzialmente avallata dalla Provincia. “

Nel capitolo PIANO DI RECUPERO ex Immobili Agricoli il PM Gubinelli scrive: “Casenuove: Proprietà GATTO SANTICCHIA : Il piano sarebbe illegittimo. La costruzione non è stata ancora effettuata. Dunque, nessun reato appare al momento ipotizzabile. Via S. Valentino : Proprietà PASQUALINI: La delibera di approvazione del Piano di Recupero, in assenza di variante urbanistica, viene giudicata illegittima…. ….Se del caso, qualora si proceda all’intervento edilizio, potrà essere presa in considerazione l’ipotesi di un reato edilizio…… Via S. Giovanni : Proprietà FANESI- SINIBALDI: La delibera di approvazione viene giudicata illegittima” Il C.T. evidenzia inoltre, con una considerazione destinata a valere per tutti i presunti Piani di Recupero come anche l’oscillante condotta della Provincia possa aver contribuito ad installare la convinzione della fattibilità della procedura. E ancora!

Nel Capitolo PALABALBINELLI il PM. Scrive: “….Le risultanze delle indagini ….hanno sostanzialmente evidenziato una serie di irregolarità ed in particolare quanto segue: - carenza di idonea pubblicità …..requisito necessario per assicurare una soddisfacente partecipazione di imprese interessate e coniugare qualità e convenienza economica….. - sostanziale assenza di concorsualità e aggiudicazione ad un ribasso irrisorio alla OMAC srl inizialmente presentatasi in ATI con altra ditta, il cui titolare ha disconosciuto la firma apposta sulla lettera di partecipazione della licitazione privata….. - sostanziale mutamento del manufatto da realizzare …..inizialmente progettato dalla SOLE ENGINEERING srl come struttura geodetica poi divenuta in corso d’opera struttura polifunzionale…. - affidamento della concessione dei lavori dell’opera cosi mutata mediante licitazione privata al raggruppamento di imprese GEOSPORT srl formato da OMAC srl di CATOZZO, AUXMEDIA srl, ASTEA spa - sostanziale utilizzo nell’opera del progetto SOLE ENGINEERING srl la cui “ uscita” dall’affare è stata “remunerata” dal CATAZZO con €. 150.000,00 per la sua ” consulenza” ….le procedure…..risalgono al più tardi al 2004. Per effetto della Legge 251/08 di riforma della prescrizione, i reati ipotizzabili ( abuso d’ufficio, 323 c.p. turbata libertà degli incanti, art. 353c.p.) sono ormai spirati. I relativi atti sono stati trasmessi alla Corte dei Conti in ordine ai profili di eventuale responsabilità contabile emergenti dalle indagini, anche per quanto attiene all’assorbimento dei debiti assunti da AUXMEDIA presso la Cassa Depositi e Prestiti da parte di ASTEA”

Nel Capitolo LOTTIZZAZIONI il PM Dott. Gubinelli scrive: “Campocavallo: INV IMMOBILIARE srl : il C.T. ha rilevato la illegittimità della procedura, ma non ha evidenziato indebiti a favore dei richiedenti e/o di terzi….. Larghezze delle strade : l’irregolarità rilevata dal C.T. non ha avvantaggiato nessuno… Strade di lottizzazione ………. Andrà interessata la Corte dei Conti per quanto attiene alle spese d’illuminazione della lottizzazione, che gravano interamente sulla parte pubblica…..” Sono state giudicate dal PM pratiche legittime : -San Sabino ATS 20; -Variante al P.P.C.S.; -Piano di recupero via Porta Musone- Gradinata La Marmora -Lottizzazione San Biagio

ALTRE IRREGOLARITA’ SEGNALATE ED ANCORA SOGGETTE AD INDAGINI della PROCURA di ANCONA: Il PM scrive : “UTILIZZO INDEBITO DEL S.U.A.P. ( Sportelli Unici delle Attività produttive): Nei casi segnalati la palese violazione di legge, che non si presta ad interpretazioni di sorta, ha indotto questo Ufficio a stralciare le posizioni indagate, sulle quali verrà approfondita la conseguente ipotesi investigativa relativa al reato di abuso d’ufficio. VARIANTE al P.P.C.S. relativa al “ Palazzo Viglietti” Anche in questo caso il favoritismo per il privato è il risultato di tale evidenza, da richiedere un approfondimento investigativo, previo stralcio.”

SECONDO IL COMITATO CITTADINO, LA CONSULENZA TECNICA DELLA PROCURA È STATA MOLTO, MA MOLTO GARANTISTA Ed ora riportiamo il comunicato dal blog dell’Amministrazione Comunale del 2 ottobre 2010: “Lo scorso 28 settembre il GIP ha accolto la richiesta del sostituto procuratore di archiviazione dei procedimenti aperti a seguito di numerosi esposti presentati dai comitati cittadini contro l'impianto di betonaggio di Passatempo e del Comitato per la Difesa dell'Ambiente e Territorio e riguardanti numerose pratiche urbanistico - edilizie. Accogliamo con soddisfazione tale notizia consapevoli che quanto attuato dall' Amministrazione Comunale, tanto dalla parte politica che tecnica, fu fatto nell'interesse comune restando sempre nell'ambito delle possibilità legislative concesse dalle norme, in perfetta onestà e buona fede. Con la medesima fiducia nell'azione della magistratura e della giustizia, aspettiamo con serenità la conclusione del procedimento su Palazzo Viglietti.”

Di quanto sopra esposto, lasciamo ogni giudizio ai cittadini osimani.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2010 alle 17:47 sul giornale del 08 ottobre 2010 - 1254 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/c2t