Castelfidardo: Sulle note della fisarmonica, tutti gli eventi del FIF

4' di lettura 05/10/2010 -

E’ un Festival di eventi che da mercoledì invade il cuore della città scorrendo i tasti della fisarmonica. Sono note internazionali e universali, di gran qualità ma accessibili a tutti, un’integrazione di culture ed esperienze che si incrociano nelle sette aree destinate ad accogliere il ricchissimo carnet di appuntamenti nato dalla sinergia organizzativa tra Amministrazione Comunale, Studio Ideazione e Pro Loco.



E’ un Festival di eventi che da mercoledì invade il cuore della città scorrendo i tasti della fisarmonica. Sono note internazionali e universali, di gran qualità ma accessibili a tutti, un’integrazione di culture ed esperienze che si incrociano nelle sette aree destinate ad accogliere il ricchissimo carnet di appuntamenti nato dalla sinergia organizzativa tra Amministrazione Comunale, Studio Ideazione e Pro Loco.

SERATA DI GALA SALIS & DE CASTRI - “Il vino all’opera” è il titolo e il trait d’union del concerto in scena al teatro Astra alle ore 21.00 (ingresso libero). Due straordinari “animali” da palcoscenico come Antonello De Salis e Furio De Castri ricostruiscono in chiave jazz la storia del “brindisi” proponendo musiche tratte dal repertorio dell’opera lirica. Accompagnati da Mauro Ottolini (basso tuba), Mauro Negri (clarinetto) e Michele Rabbia (batteria), i due artisti coinvolgeranno il pubblico in uno spettacolo frutto di un progetto originale coniugato ogni volta con sorprendente improvvisazione, in pieno spirito jazz. Antonello De Salis è un autentico mostro sacro del genere, un personaggio eclettico a tutto tondo, già premiato come solista a Castelfidardo con la “Voce d’oro”. Con la sua fisarmonica ha percorso 30 anni di carriera firmando collaborazioni con stelle di calibro assoluto, ottenendo riconoscimenti vari a livello nazionale e internazionale. Al suo fianco, Furio De Castri, un talento mondiale al contrabbasso che ha mosso i primi passi artistici con Chet Baker e suonato a sua volta con i più grandi, ma anche fine compositore per formazioni allargate, sia in ambito concertistico che per progetti di teatro e danza.

IL CONCORSO – Scattano le audizioni della 35^ edizione del prestigioso “Premio e concorso”; la prima categoria a sottoporsi in sala convegni al “giudizio” della giuria presieduta da Marco Gatti, è quella dei solisti di età inferiore ai 18 anni. Le centinaia di concorrenti iscritti disegnano una mappa geografica che copre quattro continenti su cinque. Ben ventisei le Nazioni rappresentate: Argentina, Austria, Belgio, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cina, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Lituania, Italia, Moldavia, Norvegia, Nuova Zelanda, Polonia, Portogallo, Russia, Serbia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Ukraina. AREE EVENTO – Si animano tutti gli ambienti del Festival. Presso il teatrino Sant’Anna, apre il Baby Music Club, area attrezzata con strumenti e giochi musicali a cura della Civica Scuola di Musica P. Soprani. Dalle 17 alle 18, lezione-concerto su clarinetto e tromba con i maestri Angelo e Andrea Magnaterra. Dalle 18.30 alle 19.30, si impara il flauto con l’insegnante Agnese Cingolani, mentre Andrea Naspi intrattiene i “giovanissimi” partecipanti e le hostess li ricoprono di attenzioni con merenda e gadget.

L’iscrizione è gratuita. Lungo via Mazzini, nell’area “Music&co” dove sono visitabili mostre e reperibile materiale informativo e gadget sul Festival, si esibisce (ore 15 e 18) Manuel Savron, giovane talento sloveno, che sta arrangiando brani varieté e classici per fisarmonica diatonica, ed insegna lo studio dello strumento presso la Comunità degli italiani di Momiano in Croazia. All’Auditorium San Francesco, che per l’occasione si illuminerà di un particolare gioco di luci e suoni il concerto serale (ore 22.30) dell’Ensemble Concertino, gruppo moldavo che si compone di studenti e laureati all’Accademia di musica, teatro e arti visive di Chisinau: sette fisarmonicisti, un bassista, un pianista e un percussionista di eccellente livello. L’ “abbuffata” continua poi nottetempo all’On Stage di via Soprani, sede della jam session che riunisce il Mediterranean Jazz duo composto da Antonio Spaccarotella alla fisarmonica e Alberto La Neve al sassofono.

MUSIC REALITY SHOW – Inizia la convivenza di Gianni Mirizzi, Gennaro Ruffolo e Manuela Sessa all’interno del gigantesco “truck” allestito in piazza della Repubblica, equipaggiato delle più alte tecnologie audio-video ed in diretta streaming 24 ore su 24. Tra esibizioni, chat, lezioni di danza, fitness, i tre poliedrici artisti riceveranno in giornata la visita di Mafalda Minnozzi, del Duo Calambre e alle 20 niente meno che del World Accordion Trio, i fantastici Frank Marocco, Coba e Richard Galliano che regaleranno domani sera una magia al pubblico dell’Astra.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-10-2010 alle 14:41 sul giornale del 06 ottobre 2010 - 709 letture

In questo articolo si parla di castelfidardo, spettacoli, FIF

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cUW