Latini (SLT): Difficoltà in bilancio non dovute alle spese passate

Dino Latini 3' di lettura 04/10/2010 -

Le difficoltà che oggi incontra l’amministrazione dal punto di vista contabile nascono non dalle spese del passato che non vi sono (altrimenti saremmo stati già davanti alla Corte dei Conti) ma del repentino e ripetuto cambio di regole del patto di stabilità. Ciò che era valido a gennaio 2009 non lo era più a settembre dello stesso anno e di nuovo sei mesi dopo.



Sociale: Le spese del sociale per il 2010 sono quelle più alte degli ultimi anni (che già pure avevamo visto una crescita esponenziale) e non sono state né tagliate né sospese. Chi snocciola dati per mostrare il contrario dimentica volutamente (e in malafede) di inserirvi quelli del piano triennale di finanziamento e quelli dell’ambito del sociale. L'insieme di tali somme sono già oltre la previsione più alta di spesa e basta verificare i decreti di liquidazione per appurarlo. Nel 2009 gli unici investimenti compiuti dall'amministrazione comunale sono relativi alle scuole e alle strutture sociali.

Esercizi precedenti: Le uniche voci di spese fuori bilancio che conosciamo, sono quelle lasciate dalle amministrazioni che hanno preceduto la nostra del 1999 (spese legali per oltre 500.000,00 euro). Di questo chi ci attacca glissa. Le difficoltà che oggi incontra l’amministrazione dal punto di vista contabile nascono non dalle spese del passato che non vi sono (altrimenti saremmo stati già davanti alla Corte dei Conti) ma del repentino e ripetuto cambio di regole del patto di stabilità. Ciò che era valido a gennaio 2009 non lo era più a settembre dello stesso anno e di nuovo sei mesi dopo. Del resto, l’ordine del giorno contro le ultime nuove regole del Patto di Stabilità è stato votato proprio da chi oggi contesta l’operato dell’amministrazione comunale.

Piano delle alienazioni: Per 10 anni (1999-2009) il patrimonio del Comune è cresciuto di oltre il 30%, ciò che consente al Comune di valutare in tutta serenità alcune possibili vendite di beni. Infatti, il piano di alienazioni è una programmazione stabilita per un ciclo di anni (e non di uno solo, come vorrebbe far apparire qualcuno) a fronte del quale realizzare scuole e strade. Per il 2010 si effettuerà la vendita solo di due beni: ex scuola di San Biagio all’equipe dei medici che già vi operano e l’ex scuola San Sabino alla Grimani Buttari per l’ampliamento del servizio (due alienazioni che confermano l’impegno nel sociale o lo aumentano). Nel corso degli anni successivi si procederà con la stessa metodologia.

Relazione del dipartimento delle finanze: Volutamente qualcuno mette sullo stesso piano ciò che è in alternativa. L’ipotesi della vendita di alcuni beni scattano solo nel caso in cui altri proventi di entrata non risultano in linea con quanto programmato. E’ noto a tutti la crisi mondiale e le ripercussioni locali che va venire meno al Comune oneri di urbanizzazioni e addizionali Irpef. Tanto è vero che chi ci attacca ora ammette che è necessario far costruire case e palazzi. Proprio in relazione al minor gettito di oneri e monetizzazione, il Comune ha posto in vendita per il 2009 i due beni sopra precisati. Ciò era già successo in passato quando addirittura non era in vigore il patto di stabilità (per tutti il 1995/1996 e poi nel 2000). Noi non siamo i “padroni” della città, come qualcuno sguaiatamente afferma, dato che siamo qua ad assumerci sulle spalle le difficoltà del momento e quello che ci abbiamo messo nel passato è già stato giudicato dai cittadini elettori.

Dino Latini






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2010 alle 18:34 sul giornale del 05 ottobre 2010 - 1657 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, su la testa, dino latini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cTS


"L'insieme di tali somme sono già..."
"Di questo chi ci attacca glissa."
"Le difficoltà ... nascono non dalle spese del passato ... ma DEL repentino e ripetuto..."
"L’ipotesi della vendita di alcuni beni scattano ..."
"E’ noto a tutti la crisi mondiale e le ripercussioni locali che va venire meno "
"...assumerci sulle spalle le difficoltà del momento..."




logoEV