Latini (SLT): 'Scuola in centro, non ce n'é traccia nei programmi dell'opposizione'

1' di lettura 30/09/2010 -

Andando a vedere i programmi depositati in Comune dei due schieramenti che si sono presentati nel 2009 antagonisti a Simoncini non vi è cenno della scuola da salvare in centro storico



Una parte dell’opposizione si batte il petto per il mantenimento di una scuola in centro storico. Più che giusto! Ma andando a vedere i programmi depositati in Comune dei due schieramenti che si sono presentati nel 2009 antagonisti a Simoncini, ciò non compare. Infatti, nei rispettivi documenti che rappresentano la proiezione di quello che avrebbero fatto i relativi candidati a sindaco una volta vinte le elezioni, non vi è cenno della scuola da salvare in centro storico.

Non si dica una indicazione diretta e chiara ma un rimando specifico del concetto della programmazione scolastica. In particolare lo schieramento di sinistra aveva indicato nelle sue priorità i provvedimenti, gli atti e le opere che l’amministrazione comunale sta realizzando (in particolar modo la verifica sismica).

Si dirà che un programma non può investire tutto quello che si può realizzare nel corso dei 5 anni con scelte a volte non prevedibili. Eppure la programmazione scolastica non è l’asfalto di una strada e non può essere inventata all’ultimo secondo, se non e’ solo per strumentalizzare la scena. A fronte di questo le liste civiche avevano (ed hanno), nero su bianco, una linea guida della realizzazione delle strutture scolastica (del 2006) votata in consiglio comunale, in cui campus, scuola a Campocavallo e scuola in centro si snodano fra loro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-09-2010 alle 17:24 sul giornale del 01 ottobre 2010 - 1641 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, su la testa, dino latini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cLK





logoEV