Messa a Campocavallo per il Papa e in espiazione della profanazione sacrilega

2' di lettura 20/04/2010 - In occasione del quinto anniversario dell'Inizio del Pontificato di Sua Santità Benedetto XVI, sabato 24 Aprile 2010 alle ore 21, presso il Santuario della Beata Vergine Addolorata a Campocavallo (Osimo), verrà celebrata una Santa Messa cantata “Pro Romano Pontifice”, nel rito antico e in lingua latina, a norma del Motu Proprio Summorum Pontificum.

In occasione del quinto anniversario dell'Inizio del Pontificato di Sua Santità Benedetto XVI, sabato 24 Aprile 2010 alle ore 21, presso il Santuario della Beata Vergine Addolorata a Campocavallo (Osimo), verrà celebrata una Santa Messa cantata “Pro Romano Pontifice”, nel rito antico e in lingua latina, a norma del Motu Proprio Summorum Pontificum. Questa celebrazione, curata dai frati Francescani dell'Immacolata, vuol essere una testimonianza di fedeltà e di affetto al Santo Padre da parte dei fedeli marchigiani legati alla Liturgia romana, in un momento in cui il Vicario di Cristo è stato da più parti pretestuosamente attaccato.

L’occasione sarà anche un modo per riaffermare il senso fiale di obbedienza alla Gerarchia: sappiamo tutti dalla storia che, quando regna la disobbedienza al Pontefice, ci si allontana anche da Cristo. Il recupero , urgentissimo, del senso del sacro nel raccoglimento interiore e nello spirito di penitenza, è l’antidoto per abbandonare definitivamente il peccato ed il vizio. La Santa Messa antica,che il Santo Padre ha reso attuabile in tutte le realtà parrocchiali, ci fa riscoprire il valore della preghiera e dell'adorazione silenziosa, nutrendo la vera spiritualità e dandoci un prezioso aiuto nelle tentazioni.

La celebrazione di sabato prossimo sarà offerta anche in espiazione per il recente episodio della profanazione del Santuario di Campocavallo, dove mani sacrileghe hanno spezzato e rubato le spade della venerata statua processionale della Beata Vergine Addolorata che Le trafiggevano il cuore. La statua viene portata in processione in luogo dell’immagine miracolosa della Madonna Addolorata che, nel giorno del Corpus Domini del 1892, volle più volte aprire gli occhi mostrando la Sua amorevolezza a delle persone, semplici ma dalla grande fede, della campagna osimana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2010 alle 18:09 sul giornale del 21 aprile 2010 - 2585 letture

In questo articolo si parla di attualità, benedetto xvi, campocavallo, Andrea Carradori





logoEV