CGIL-CISL: 'Bilancio di Previsione, le nostre richieste non sono state ascoltate'

08/04/2010 - E' un giudizio sostanzialmente negativo quello che esprimono le segreterie zonali di CGIL e CISL di Osimo nei confronti del bilancio di previsione 2010 del Comune di Osimo, che verrà a breve approvato in sede consiliare. Ulteriore motivo di stupore nasce dal recente quanto immotivato attacco al sindacato generato dalle vicende della PARK.O.

E' un giudizio sostanzialmente negativo quello che esprimono le segreterie zonali di CGIL e CISL di Osimo nei confronti del bilancio di previsione 2010 del Comune di Osimo, che verrà a breve approvato in sede consiliare.

Sin dal mese di dicembre, le medesime Organizzazioni Sindacali avevano presentato all'Amministrazione Comunale una serie di richieste, finalizzate alla tutela ed alla salvaguardia delle istanze provenienti dalle fasce più deboli della popolazione.

Nello specifico, le richieste erano le seguenti:

  • blocco delle tariffe dei servizi a domanda individuale (mense scolastiche, nidi, trasporto scolastico);
  • parificazione delle tariffe dei nidi comunali e di quelli gestiti dalla ASSO;
  • riduzione dell'aumento della TIA (tariffa di igiene ambientale), che quest'anno subirà un innalzamento medio del 16%, nei confronti dei ceti meno abbienti;
  • diminuzione dell'addizionale IRPEF o, in alternativa, aumento della soglia di esenzione dal pagamento della stessa;
  • istituzione di un fondo di solidarietà destinato a coloro che hanno perso il lavoro, da gestire in maniera congiunta.

Rispetto a queste richieste, abbiamo riscontrato una chiusura pressoché totale, salvo una ritrovata correttezza di metodo nel confronto.

Infatti, per quanto riguarda le tariffe, l'Amministrazione ha comunicato la volontà di innalzare la quota fissa delle mense scolastiche di più del 50% (da 13 Euro a 21 Euro), e di adeguare al canone ISTAT le tariffe di asili nidi e trasporto scolastico.

Inoltre, sempre in relazione alle tariffe, per il quarto anno consecutivo ci è stata negata la possibilità di parificare le tariffe dei nidi comunali e di quelli gestiti dalla ASSO, senza alcuna valida giustificazione in proposito.

In merito alla TIA, nonostante le buone intenzioni espresse nei mesi precedenti, non sono previste riduzioni od agevolazioni per le fasce più deboli, che si dovranno in questo modo sobbarcare per intero l'aumento medio del 16%.

Per quanto concerne l'IRPEF, non ci sarà purtroppo alcun cambiamento rispetto agli anni precedenti. Di conseguenza, gli osimani continueranno a pagare l'aliquota di addizionale più alta prevista dalla Legge, nel rispetto di una soglia di esenzione assolutamente modesta (10000 Euro di reddito imponibile).

In relazione al fondo di solidarietà, l'Amministrazione ha in serbo la possibilità di articolare lo stesso su tre filoni (senza alcun accordo con le scriventi), con il serio rischio di depotenziare l'impatto che lo stesso potrebbe invece assumere se concentrato in un'unica soluzione.

Dispiace che a distanza di circa 4 mesi dall'inizio del confronto non si sia arrivati ad un'intesa, ed è motivo di rammarico soprattutto il fatto che l'Amministrazione non abbia compreso la bontà dell'impianto delle nostre richieste, finalizzate a garantire strumenti di difesa e di protezione nei confronti di coloro che hanno le maggiori difficoltà ad arrivare a fine mese.


Ulteriore motivo di stupore nasce dal recente quanto immotivato attacco al sindacato generato dalle vicende della PARK.O.

Da mesi le Organizzazioni Sindacali mantengono un atteggiamento di particolare attenzione nei confronti delle problematiche finanziarie proprie della società, e tutte le relative discussioni di merito sono state inquadrate in questo contesto: atteggiamento questo di assoluta responsabilità che continuerà anche in futuro.

Non esistono infatti agli atti richieste recenti di particolare rilevanza economica e gestionale, al di fuori della sacrosanta applicazione del Contratto nazionale di lavoro.

Un'urgente richiesta d'incontro è già stata inviata all'azienda, e le Organizzazioni Sindacali incontreranno tutti i dipendenti mercoledì prossimo, per fare il punto circa la grave quanto immotivata polemica, creata "a freddo" dall'azienda e da alcuni esponenti politici locali.


p. CGIL Osimo Marco Bastianelli

p. CISL Osimo Angelo Paolucci






Questo è un articolo pubblicato il 08-04-2010 alle 18:46 sul giornale del 09 aprile 2010 - 722 letture

In questo articolo si parla di attualità, sindacati, cgil, cisl, angelo paolucci, soldi, Marco Bastianelli, cgil cisl, bilancio previsione 2010





logoEV