Biscarini (PD): 'I voti di Latini provengono dal PDL e dall'UDC'

02/04/2010 - Analizzando il recente risultato elettorale si potrebbe ipotizzare che il 24% dei voti raccolti dalla Alleanza per l'Italia (Latini) abbia una provenienza importante, attorno al 11%, dal Pdl, un 5% dall'Udc ed il resto da tutti gli altri con la significativa eccezione di Sinistra Ecologia e Libertà.

Per un giudizio sull'esito del voto osimano conviene partire dai risultati delle elezioni europee e amministrative dello scorso 2009.

Nello stesso giorno, nella stessa cabina elettorale oltre ottomila e settecento elettori (più del 44% dei voti validi) sulle due schede che sono state loro consegnate, hanno espresso una volontà politica differenziata.

I voti raccolti da Simoncini (Liste Civiche) sono stati 8234.

Nelle elezioni amministrative del 2009, rispetto alle europee, il Pdl ha perso il 18, 91% dei voti; la Lega il 4,35. Il Pd il 6%; l'Idv il 7,67; l'Udc il 5,35%. La Sinistra radicale oltre il 2%

Sulla base dei risultati e delle considerazioni precedenti si possono ipotizzare le seguenti provenienze dei voti per le liste civiche nelle elezioni amministrative 2009:

Su 100 voti raccolti nel 2009 dalle Liste Civiche di Osimo 42 sono elettori del Pdl, 9 vengono dalla Lega, 15 dal Pd, 16 dall'Idv, 12 dall'Udc, 5 dalla Sinistra radicale, 2 dalla Destra radicale.

Confrontando i risultati delle europee 2009 con quelli delle elezioni regionali 2010 abbiamo questi dati:

Partito % Europee 09 % Regionali 10 Differenza %
Pdl 33,02 21,60 11,42
Lega 5,7 4,1 3,6
Pd 27.6 25,06 2,54
Idv 10,1 6,43 3,76
Udc 9,6 4,39 5,21
Rif e Com Ital 4,7 2,45 2,25
Sel 3,4 3,77 +0,37
La Destra Fiamm 4,0 1,39 2,61
Totale 30,93
Api 24,10
Alleanza Rif 4,6
altri 1,32


Si potrebbe ipotizzare dunque che il 24 % dei voti raccolti dalla Alleanza per l'Italia (Latini) abbia una provenienza importante, attorno al 11%, dal Pdl, un 5% dall'Udc ed il resto da tutti gli altri con la significativa eccezione di Sinistra Ecologia e Libertà; la provenienza dei suffragi per Alleanza Riformista, che ha raccolto il 4,6% può ipotizzarsi invece in maniera trasversale.

Il carattere "politico" delle elezioni regionali e lo schierarsi di Latini con Spacca, considerato di "sinistra" hanno frenato l'apporto dell'elettorato pidiellino che, a differenza delle passate elezioni comunali, ha quasi dimezzato la emorragia.


Il peso del candidato locale

Abbiamo esaminato il voti dei singoli partiti negli otto comuni della zona per verificare il peso che hanno avuto i candidati locali.


Partito Democratico %
Loreto 11
Filottrano 18
Numana 23
Castelfidardo 24
Osimo 25
Sirolo 27
Camerano 33
Offagna 33



Nel caso del Pd abbiamo il dato di Camerano dove la candidatura di Di Giacomo lo colloca al 33%. Quella di Paola Andreoni fa raggiungere al suo partito il 25%, in un contesto particolare per la presenza delle candidature Latini, Secchiaroli, Cagnoni, Buccelli, ecc.


Alleanza Riformista %
Camerano 2
Filottrano 2
Osimo 4
Offagna 7
Sirolo 7
Numana 9
Castelfidardo 12
Loreto 51

Per la candidatura di Pieroni il risultato è particolarmente significativo: il 51% a Loreto, ma anche il 12 a Castelfidardo e il 9 a Numana. Segno di una capacità di rappresentanza non limitata al solo dato comunale.


Alleanza per l'Italia %
Loreto 1
Sirolo 2
Castelfidardo 4
Filottrano 4
Numana 4
Camerano 5
Offagna 5
Osimo 24


Dino Latini si ferma ad Osimo al 24%, mentre nei comuni vicini non riesce ad andare oltre il 5% di Camerano ed Offagna. Segno che la chiusura municipalista, le continue liti con i vicini hanno limitato il suo appeal alla sola città di Osimo.


da Matteo Biscarini
Componente la Direzione Comunale PD




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2010 alle 23:56 sul giornale del 03 aprile 2010 - 2246 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, osimo, api, partito democratico, moreno pieroni, dino latini, matteo biscarini, pdl, alleanza riformista


Le analisi del dopo elezioni non servono a niente,sono solo alchimie che servono ad ammorbidire le sconfitte, era prima che dovevi analizzare. Forse facendo votare solo escusivamente Andreoni, il PD, ma sopratutto Osimo, avrebbe avuto due consiglieri in regione. Questo vale per tutti gli attivisti del Pd che hanno "sponsorizzato" candidature diverse con grave danno per se tessi e per la città. Forse attendono qualche prebenda di ringraziamento? Quando dico che occorre "fare largo al nuovo" tu rientri tra questi. Capisco che la politica appassiona ed è difficile uscirne, ma quelli dellatua età e della mia,ormai dovrebbero rassegnarsi al nuovo che avanza. Certo, un consiglio, un parere possiamo sempre darlo, forti delle nostre esperienze passate, ma poi non dobbiamo "tirare contro" come è avvenuto da parte di alcuni esponenti del Pd."Questa è la mia analisi"<br />
E' Pasqua, a tutti giungano i miei più cordiali auguri.


Caro Demetrio, intanto buona Pasqua.<br />
<br />
Consentimi una annotazione personale. Da tempo auspico una ricambio generazionale nel Pd di Osimo. L'ho detto e ridetto in tutte le occasioni.Sia al Congresso svoltosi all'Astea, sia nelle riunioni di partito. Io, come te, mi limito ad alcuni interventi sui siti osimani. <br />
Come te esprimo opinioni. E visto che ci metto il nome rispondo delle mie affermazioni. Tu invece vai a ruota libera. Pontificando a destra e manca.<br />
Per esempio affermi che "alcuni attivisti del Pd hanno sponsorizzato candidature diverse con grave danno per se stessi e per la città". Credo di capire che secondo te, se Marco Lucchetti prende 130 preferenze ad Osimo è per via delle quinte colonne traditrici ( quale sarebbe il nome di questo traditore? E' forse un tuo ex amico?)se invece un candidato osimano prende 100 preferenze ad Ancona questo è il risultato del radicamento e della popolarità del candidato. Non ti sembra una visione un po' paesana?<br />
Consentimi, visto che coperto dall'anonimato mi hai accusato di aver compiuto, quando amministravo, "alcuni scempiucci" di chiederti di elencarmene qualcuno? <br />
Credimi, Demetrio, probabilmente tu mi conosci e sai quanto poco mi siano simpatici quelli che si nascondono e accusano.Solo le feste pasquali mi trattengono dal dare loro il nome adatto.<br />
<br />
<br />
<br />

Voglio ricordare a Biscarini che Latini/API non era presente alle europee 2009 quindi il confronto tra PDL-liste civiche semmai va fatto tra le provinciali 2007, comunali 2009 e regionali 2010.<br />
Infatti basta dare uno sguardo ai risultati vediamo che il PDL alle comunali del giugno scorso racimolò 1764 voti pari al 9,37% mentre in questa tornata elettorale ha ottenuto 3387 voti pari al 21.61% con un aumento di 1623 (voti quasi raddoppiati) pari ad un +12,24%.<br />
Contrariamente invece le liste civiche di Latini che si presentavano sotto il simbolo API hanno ottenuto 3777 voti pari al 24,10% mentre a giugno scorso raccolsero 7881 voti pari al 41,84% con una incredibile perdita di consensi pari a 4104 voti pari a -17,74%, se non è disfatta questa !! <br />
Concordo con te quando dici che ancora (spero per poco)Latini ci "ruba" circa l'11%.<br />
Dato significativo secondo me sono i voti di lista API/Latini sono 3777 le relative preferenze sono 3443. Ogni altro commento è superfluo, poveri osimani...

Un dato in più, oltre alle percentuali e ai flussi dei voti e i legami occulti interni od esterni, è sicuramente quello legato agli stipendi che percepiranno coloro che già siedono o andranno a sedere nel nostro e in altri parlamenti regionali, stipendi che in tempi di crisi fanno tremare le vene ai polsi, ma che sicuramnte ci danno un dato di quanto sia importante correre in queste competizioni:<br />
- in Italia i consiglieri regionali guadagnano tra i 16.630 euro al mese del piemonte e i 6.614 euro della valle d'aosta.<br />
- nelle marche i consiglieri regionali guadagnano tra gli 11.000 euro e i 14.000 euro al mese.<br />
- sono previste indennità al termine dei mandati, non conosco il guadagno del presidente della regione, ma altri governatori percepiscono cifre tra i 16.000 e i 18.000 euro mensili.<br />
Una meditazione è d'obbligo. La crisi è fuori dalla politica. Auguri di Buona Pasqua.

Cambiare si può, qualcuno ha già iniziato a dare il buon esempio<br />
<br />
http://www.beppegrillo.it/2010/04/i_consiglieri_r.html

Letizia

Ma se il PD è al minimo stortico meno del lontano pds, appena il 25%, una miseria... fallita l'alleanza con i pochi popolari rimasti.. <br />
ora api e udc.. ma Antonelli è contento.. beato lui

Burattini emilio

Oramai il pd osimano e nazionale ha imboccato la strada del declino come il pentapartito di 17 anni fa.. è resistito al tempo, ma il suo ciclo si è concluso.