Castelfidardo: collettore fognario del versante sud, presto i lavori

impianto fognario 23/11/2009 - Importante conquista per il territorio fidardense. Nella conferenza di servizi svoltasi venerdì mattina su iniziativa dell\'Amministrazione alla presenza dei rappresentanti locali e del Comune di Osimo, dell\'Ato 3, dell\'Azienda Pluriservizi Macerata, di Astea e Acquambiente Marche, si è impressa una svolta decisiva alle problematiche fognarie che si verificano lungo la via Jesina, all\'altezza del ristorante \"Il Gatto nero\".

Importante conquista per il territorio fidardense. Nella conferenza di servizi svoltasi venerdì mattina su iniziativa dell\'Amministrazione alla presenza dei rappresentanti locali e del Comune di Osimo, dell\'Ato 3, dell\'Azienda Pluriservizi Macerata, di Astea e Acquambiente Marche, si è impressa una svolta decisiva alle problematiche fognarie che si verificano lungo la via Jesina, all\'altezza del ristorante \"Il Gatto nero\".


Realizzato nel 1986 su incarico della Regione al fine di convogliare le acque reflue del versante sud dei Comuni di Castelfidardo e Osimo all\'impianto di depurazione di Villa Poticcio, il collettore si è spesso intasato provocando allagamenti e disagi. La relazione e le indagini tecniche hanno appurato che le reti che vi convergono sono infatti di tipo misto, mentre il collettore era stato progettato per il solo trasporto dei reflui in regime di normale deflusso. La recente costruzione di una vasca di sedimentazione a cura della Provincia ha avuto risultati validi ma non risolutivi e le video-ispezioni hanno constatato tratti fra i vari pozzetti in cui il deposito di materiali ha ostruito oltre il 50% della sezione.


Di qui è scaturita la decisione di ieri dell\'Autorità d\'ambito di competenza (la numero 3 di Macerata) di procedere ad un intervento per \"somma urgenza\". Acquambiente Marche srl - che gestisce quel tratto di fognatura - dovrà ripristinare la tubazione, installare griglie di protezione e vasche di sedimentazione per impedire che nel collettore entrino materiali inerti e grossolani e invertire il senso di inserimento delle immissioni: il primo lotto dei lavori prevede un impegno economico intorno ai 90 mila € circa. Ai due Enti locali competono gli interventi di miglioramento a monte e a valle, in qualche misura già eseguiti nel Comune fidardense proprio recentemente dall\'APM.


In previsione inoltre dell\'avvio in zona di nuove lottizzazioni si è chiesto ed ottenuto dai privati il cosiddetto rovesciamento del vallato che andrà ad incidere per alleggerire le acque provenienti da Osimo. Grande soddisfazione viene espressa dal Sindaco Soprani che ha fortemente voluto questa conferenza dei servizi, dato che «in tempi brevi si andrà finalmente a risolvere un problema pregresso ed annoso sollevando la zona dal pericolo di allagamenti».




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-11-2009 alle 18:48 sul giornale del 24 novembre 2009 - 891 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, castelfidardo, astea, Comune di Castelfidardo, fogne, ato3, Acquambiente Marche