Shoah ed ebraismo a scuola, il rabbino di Ancona al Corridoni Campana

22/10/2009 - Il progetto si concluderà lunedì 26 ottobre con una Conferenza  che si terrà dalle ore 11.00 alle ore 13.00 presso la Sala Maggiore del Comune di Osimo. Interverranno all\'incontro Ahroneen Nahmiel, Rabbino di Ancona, Gian Mario Spacca, Presidente della Regione Marche, Piero Terracina, reduce di un campo di concentramento, Stefano Simoncini, Sindaco di Osimo. 

Shoah ed ebraismo a scuola. Dal passato al presente è il titolo di un innovativo progetto a carattere pluridisciplinare sostenuto nel corso dell\'anno scolastico 2008/2009 dal dirigente dell\'Istituto Corridoni-Campana di Osimo, Professor Nazzareno Donzelli e realizzato dai docenti e dagli alunni della classe II B del liceo Classico, coordinati dalla professoressa Lucia Mazzieri, con il contributo della Regione Marche.


Il progetto si concluderà lunedì 26 ottobre con una Conferenza che si terrà dalle ore 11.00 alle ore 13.00 presso la Sala Maggiore del Comune di Osimo. Interverranno all\'incontro Ahroneen Nahmiel, Rabbino di Ancona, Gian Mario Spacca, Presidente della Regione Marche, Piero Terracina, reduce di un campo di concentramento, Stefano Simoncini, Sindaco di Osimo. A coronare l\'iniziativa, è in corso di stampa un volume con omonimo titolo, ad uso esclusivo dell\'Istituto Corridoni-Campana per scopi didattici.


Gli obiettivi fondamentali del progetto sono stati quelli di educare i giovani alla tolleranza e al rispetto di altre culture attraverso il recupero e la valorizzazione della memoria storica. Il lavoro di ricerca ha preso avvio dallo studio di testi latini, coinvolgendo alcuni settori riguardanti la storia e la cultura ebraica, quali la letteratura, l\'arte, la musica, il teatro e il cinema. I giovanissimi studiosi hanno approfondito la conoscenza delle diverse situazioni drammatiche vissute dalla popolazione ebraica nel corso dei secoli, per poi meglio comprendere eventi più recenti, come lo sterminio vissuto da questo popolo nel Novecento.


Indispensabili si sono rivelati la visita alla Sinagoga di Firenze, ai campi di concentramento di Dachau e Berlino e l\'incontro con un membro della comunità ebraica e un reduce dal lager. Il terreno d\'indagine è stato quindi allargato alla presenza della comunità ebraica nelle Marche e in particolare ad Osimo.


Gabriella Veschi








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2009 alle 21:15 sul giornale del 24 ottobre 2009 - 1270 letture

In questo articolo si parla di scuola, cultura, shoah, osimo, ancona, gian mario spacca, piero terracina, corridoni campana, Ahroneen Nahmiel


La Storia

Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV