Buccelli (La Destra): \'La libertà di un sorriso\'

2' di lettura 23/09/2009 - In tutta onestà a me questi nuovi vicini di casa non piacciono proprio. E non che non mi piacciano perchè hanno usi o costumi diversi dai miei, non mi piacciono perchè mi privano di una delle libertà alle quali tengo di più: quella di ricevere un sorriso!

Sono un Italiano, sono un Osimano. Amo la mia Patria... amo la mia città, la amo perchè è parte di me e della mia vita, e io amo la mia vita, la mia casa e la mia famiglia. I miei genitori mi hanno insegnato a camminare a testa alta e a guardare negli occhi chiunque io incontri, a salutare i conoscenti e a sorridere a tutti gli altri.

E\' per questo motivo che ora, spesso, quando esco a fare una passeggiata, non mi sento più a mio agio, proprio vicino alla mia casa, nel mio quartiere, dove non incontro più i miei soliti vicini che rispondono al mio sorriso, dove non ci sono più i bambini a giocare, imitando le movenze dei fratelli più grandi che facevano i loro gruppetti orgogliosi; vi chiederete, chi incontro?

Incontro uomini dal volto eloquente: \"Abbassa lo sguardo Alessandro!\" ... oppure donne dal capo coperto da uno shador, donne dagli occhi tristi e vuoti; non so perchè ma spesso sembrano non camminare bene e io mi chiedo: saranno state picchiate?

In tutta onestà a me questi nuovi vicini di casa non piacciono proprio. E non che non mi piacciano perchè hanno usi o costumi diversi dai miei, non mi piacciono perchè mi privano di una delle libertà alle quali tengo di più: quella di ricevere un sorriso!

Non mi sento più libero di dare e ricevere un sorriso e non sono libero di farlo, come spesso non sono più libere di farlo tutte quelle persone che vivono vicino a me, poichè andrei ad invadere la cultura (o meglio la religione) di qualcun\'altro, il quale si irriterebbe notevolmente se sorridessi ad una di quelle signore con il capo coperto, quando invece quel qualcuno non prende occasione di sorridere alle \"nostre\" signore . Sorrisi seguiti da apprezzamenti in lingue a noi sconosciute.

Io credo che una delle libertà più importanti della nostra costituzione sia quella della proprietà privata; infatti mi è concesso costruire muri per proteggere la mia casa, ora mi chiedo: perchè non si possono costruire muri per proteggere la mia città .... e i miei sorrisi .... e quelli dei miei genitori e tutti quelli di coloro che non vogliono smettere di sorridere.

Di cuore


Alessandro Buccelli

Da Alessandro Buccelli

portavoce de La Destra Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-09-2009 alle 11:08 sul giornale del 23 settembre 2009 - 3413 letture

In questo articolo si parla di attualità, osimo, alessandro buccelli, la destra, immigrazione





logoEV