Castelfidardo: per chi ha bisogno di assistenza arriva il 800301100

03/07/2009 - 800301100: dal primo luglio, la rete dei servizi sociali assicurati dal Comune si arricchisce di un nuovo tassello con l\'attivazione del numero verde cui potranno rivolgersi persone anziane, sole o in difficoltà per segnalare situazioni di bisogno e richiedere le modalità di accesso ai servizi stessi.


800301100: dal primo luglio, la rete dei servizi sociali assicurati dal Comune si arricchisce di un nuovo tassello con l\'attivazione del numero verde cui potranno rivolgersi persone anziane, sole o in difficoltà per segnalare situazioni di bisogno e richiedere le modalità di accesso ai servizi stessi.


Dall\'altro capo del telefono (la chiamata è gratuita da rete fissa) nella fascia oraria fra le 15.30 e 18.30, l\'utente troverà volontari qualificati (assistenti sociali o altro personale formato) in grado di dare adeguate indicazioni. «Con questa iniziativa intendiamo onorare l\'impegno che questa Amministrazione si era assunta di dare una \"voce amica\" alla fascia debole della cittadinanza - spiega l\'assessore alla sanità Anna Maria Nardella -, un progetto che parte in via sperimentale per il periodo estivo e di cui controlleremo attentamente l\'evolversi per ritararlo in un secondo momento sulla base del quadro che emergerà. Si rinnova e consolida, per altro, la stretta collaborazione con le associazioni del territorio, dato che del progetto è parte attiva e determinante la Croce Verde presso la cui sede si trovano fisicamente gli operatori che rispondono al numero verde».




L\'avvio della \"voce amica\" è parte integrante di un importante progetto denominato \"Da integrati a integratori\" avviato dalla rete dei soggetti costituita dal Comune, dalla Croce Verde ed altre associazioni di volontariato con il finanziamento del Centro Servizi per il Volontariato; il progetto nel suo complesso ha lo scopo di delineare unamappatura delle fragilità sociali, mirata a far emergere situazioni \"sommerse\" o ad oggi sconosciute, di bisogno od emarginazione. Realtà che in una popolazione in continua crescita, di cui oltre il 20% di età superiore ai 65 anni, potrebbero esistere e che si vuole \"raggiungere\" per poi calibrare interventi concreti di sostegno che - a seconda dei casi - potranno consistere in visite domiciliari, trasporto, consegna della spesa e dei pasti, reinserimento sociale, anche tramite il volontariato, o quant\'altro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-07-2009 alle 16:14 sul giornale del 03 luglio 2009 - 742 letture

In questo articolo si parla di attualità, anziani, sociale, castelfidardo, Comune di Castelfidardo