Judo: a settembre riparte il corso di difesa personale

25/06/2009 - Giovedì 18 giugno c/o la palestra JUDO CLUB SAKURA OSIMO si sono svolti gli esami del corso di difesa personale MGA (Metodo Globale Autodifesa), il metodo MGA è riconosciuto dal Ministero degli Interni, ed è già materia d\'insegnamento presso le Scuole della Polizia di Stato.

Giovedì 18 giugno c/o la palestra JUDO CLUB SAKURA OSIMO si sono svolti gli esami del corso di difesa personale MGA (Metodo Globale Autodifesa), il metodo MGA è riconosciuto dal Ministero degli Interni, ed è già materia d\'insegnamento presso le Scuole della Polizia di Stato. Questo metodo e stato realizzato da una commissione di Tecnici Federali di varie discipline marziali e trae spunto da tecniche di Judo, Ju-Jitsu, Aikido, Karatè e Lotta, e grazie alla gradualità degli esercizi introduttivi, il metodo è destinato a tutte le persone di ambo i sessi e di tutte le età che vogliono imparare a difendersi in maniera ottimale senza sottoporsi ad allenamenti impegnativi, tipici delle attività agonistiche degli sport da combattimento.


Infatti, la particolarità del metodo MGA consiste nel fatto che esso, non si basa sulle prerogative fisiche dei praticanti, bensì sulla capacità degli stessi di trasformare a proprio vantaggio le energie di chi intende offendere, assecondandone i movimenti ed utilizzando i concetti di flessibilità e di cedevolezza. Mi è stato chiesto se frequentare questo corso, può concretamente aiutare a cavarsela, in una situazione di pericolo? La mia risposta è stata: certamente! anche se è chiaro che, per chi ha un fisico piccolo e magrolino avrà più difficoltà di uno che ha un fisico robusto! ma di sicuro con la pratica, possiamo migliorare l\'agilità e la velocità, come la potenza e la precisione e soprattutto non bloccarsi per paura in queste situazioni ma cercare di rimanere sicuri di se stessi.


Io non voglio illudere nessuno, perché frequentare uncorso di difesa personale aiuta, ed aiuta molto, ma non esiste disciplina che può risolvere tutto! perché anche chi non ha mai fatto sport, può risultare letale se è ben motivato e determinato! Ci sono mestieri come il fabbro, il muratore, il contadino, lo spaccalegna, tanto per citarne alcuni, che consentono a chi li pratica di non aver bisogno di conoscere tecniche marziali (provate a stringere loro una mano e sentirete che cosa è la potenza!) giorno dopo giorno: c\'è chi usa un piccone, chi un martello, una chiave inglese, chi un\'ascia, facendo un allenamento continuativo, fatto di trazioni, sollevamenti, torsioni, e che rende le loro braccia e spalle duri come l\'acciaio. Provare ad aggredire uno di questi simpatici personaggi, non credo che il risultato sia scontato, pur con tutte le nostre conoscenze tecniche.


Non è quindi l\'arte marziale praticata che rende invincibili, né la padronanza di una tecnica, ma la determinazione e \"l\'incoscienza\" con cui essa viene eseguita in un determinato momento. Ovviamente, torno a ripetere, l\'allenamento continuato può aiutarci nella scelta del momento e soprattutto nel difenderci, ma non potrà mai renderci immuni da un\'aggressione o renderci invincibili! E cosa possiamo fare per difendere la nostra incolumità da chi non ha niente da perdere? Per prima cosa evitare sempre lo scontro, ma nel caso non fosse proprio possibile… dobbiamo ponderare la situazione e non fare gli eroi, salvaguardando prima di tutto la nostra incolumità. Gli esami, si sono basati proprio su questo, si è voluto ricreare situazioni tipiche che possono accadere andando in giro per locali o per strada, come ad esempio: evitare di cadere da uno spintone improvviso e non farsi male, o come parare un pugno o uno schiaffo, un calcio, una gomitata, ecc. ecc. come evitare la tentata rapina di un portafoglio o di marsupio, o come liberarsi da una presa ai polsi o da uno strangolamento alla gola, come reagire quando uno ci aggredisce con bastone, con un pugnale o come difendersi dalla minaccia di una pistola, e per le donne poi, oltre a questo: come riuscire ad evitare uno scippo di una borsetta o di una collana, o come evitare la tentata violenza!


Tutti hanno fatto molto bene, dimostrando che possono cavarsela in varie situazioni, grazie al loro impegno e all\'attenzione che hanno sempre avuto durante le lezioni, anzi, alcuni mi hanno addirittura stupito, perché messo più impeto di quello che avevano di solito in allenamento, ma sempre controllando i colpi e le cadute, ed attenti a che nessuno si facesse male. Alla fine e stato data loro la tesserina Federale FIJLKAM e rilasciato un attestato di partecipazione al corso, poi si è fatto un brindisi e gli Auguri di Buone Vacanze, dopo di che ci siamo salutati con un arrivederci all\'inizio del prossimo corso, dove mi auguro di ritrovare tutti e speriamo anche nell\'arrivo di nuovi volenterosi di imparare l\'arte del difendersi (del difendersi… e non quella di aggredire c\'è molta differenza in questo!) … vi aspetto numerosi!


I corsi riprenderanno dal mese di SETTEMBRE - e per chi si volesse avvicinarsi a questa disciplina, può venirci a trovare in via Barbalarga n. 10 (edificio Astea) Osimo - a partire dal 31 di agosto - dove saremo aperti, tutti i giorni feriali, a partire dalle ore 18:00 alle ore 22:00.


Istruttore Federale Carlo Pasqualini








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-06-2009 alle 14:28 sul giornale del 25 giugno 2009 - 4381 letture

In questo articolo si parla di sport, osimo, judo, judo club sakura