Savì: ce basta pure \'na città senza testa e senza sinnigu

4' di lettura 20/06/2009 - Cari vualtri che vulede gì a fà il sinnigu... \'Rcurdadeve che la città enne nostra, enne de quelli che la madina se alzane pe daije lustru, de quelli che cercane de giustasse, de nun fà danni, de mantenella pulida, de rispettà le leggi, de perdunà pe le cazzade che se fanne perché de santu c\'emu solo a S.Giuseppe.

Cari vualtri che vulede gì a fà il sinnigu,


C\'ho pensadu e ripensadu, ma alla fì m\'é venudu de scrievve.

Ve scriu perché me piaceria de sapè cumm\'enne che, mancu ve vedete, già ncumenzade a fà a cagnara, a maltrattavve cume se \'nvece de fa il sinnigu duvrissimi fà il presidente de la suciedà \"fregamuli tutti\".


La botta finale enne stada quannu sede \'ndadi sul Comune ognuno cu le truppe \"bucculiniane\" pe fà \'l cunfrontu. A me m\'é parso uno \"scunfrontu!\", tutta cù la cagiara, cu la cufusiò in te cul situ \'ndo nun se capisce gnente, in docche le parole rimbombane. I bucculiniani, però, batteane le ma u fistiavane a seconda de chi de valtri discurea. Sa robba se vedea in te la televisiò ai tempi de Lubumba e adè pe quelli de l\'Iracche. Ve duvristi vergugnà pé lu spettaculu che stade a dà, pé le cose che ve rinfacciade, vere u false, pe le maldicenze, le bugie e tuttu quantu serve pe sputtanà, cume se nun bastasse, sta pora città mia, nostra, ma quantu pare non vostra, perché nuà che duemu da vudavve farissimi pure senza de valtri, ce basta pure \'na città senza testa e senza sinnigu!


Me dumannavane ijersera Ureliu, Arduino, Cile e Giustì cume faranne a guernà se nun se guardane mancu in tell\'occhi, cume faranne a mettesse a sede in te la sala del cunsiju se fanne sempre a cagnara, chi li sparte, chi li tiene a bada, cume pensane de fa \'l bé de la città.. Quantu ce vurrà po pe vedelli a \'cumenzà a discore de cose serie, de custruttu. So gidu a fà le carte de identità sul Comune, ma ce sede mai stadi valtri in te l\'uffiziu in do se fanne \'ste carte? \'Ndadece!!!!


Ve ne \'ccurgerissi de cume fadigane chi pori cristià che ce laorane, mancu li stalla mia le bestie stane accuscì \'mpiccigate. Lì, la stallal la paia, il fiè, i foraggi stanne tutti mesti bé, ognunu al posto sua e se pole pià cul furcò senza tantu tribbulà.


Litta, enne \'mpiccigati, se sbattene \'ntra de lora, i fili ije traversa le gambe, ce \'nciampane, se stacchener i cumputerrre e nun funzionane, pe la cunfusiò dei luccà seddonca nun te sentene. Dopo tacca a sunà le campane, gna che tienghene le finestre operte perché li drentu puzza de stantiu, de carta muffida. Statece calche giornu, dopu capirete. Eccu, quessu enne uno de i prubblemi che ve diria ma enne l\'ultimu che m\'enne capitadu.


Pe fenì, che esempiu dade a si pori fii nostri, e pure vostri che già nun se volene \'mpiccià, che nun volene sapè gnente de la pulitiga, che ve sentene a scagnarà cume se la città fusse \"cosa vostra!\" \'Rcurdadeve che la città enne nostra, enne de quelli che la madina se alzane pe daije lustru, de quelli che cercane de giustasse, de nun fà danni, de mantenella pulida, de rispettà le leggi, de perdunà pe le cazzade che se fanne perché de santu c\'emu solo a S.Giuseppe.


Tutti quessi, cercane de fasse ministrà da persone serie, da persone che scoltne i cristià, che cercane de medià pe risolve i prubblemi picculi e granni che se presntene, cumpresu \'l sammafferu de via Ungheria daanti al barbiere. Giudì m\'hanne tampunadu l\'ape perché \'ndaceo a trenta e lu rosciu enne scattatdu. Quellu de diedru cu \'na magina grossa ma mannadu a fan culu perché ha dittu che \'l semmafferu enne na cazzada e siccume curia, nun u fattu a tempu a pijaije il numbru de la targa, adè a me chi me paga! A cu serve e a chi serve cul sammafferu?


Pe rispettu, cul cappellu in te le mà pure se nun u fenidu, e ricurdunduve che valtri sede delegati da naltri, ve digu lassade perde, dadeve la mà e fade un passu addiedru tutti e do, cercade de nun \'esse permalosi perché lu sede, ce guadambierede in salude e cunsideraziò. Alla fì, e lassu \'nda per daeru, \'rcudateve che enne le canne alte quelle piane più ventu… capiteme….Ve saludu.


Savino






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2009 alle 14:45 sul giornale del 20 giugno 2009 - 1134 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, satira, Savì, ballottaggio osimo





logoEV